Sindacati medici ospedalieri esclusi dal Protocollo di programmazione sanitaria tra Regione e Università di Palermo, Catania e Messina

Il nuovo Protocollo di intesa tra Università e Regione si limita a discutere dei nuovi assetti del sistema della sanità siciliana soltanto con i tre Rettori degli Atenei isolani e non con tutti i soggetti che ne fanno parte.

Le segreterie regionali delle organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria Aaroi Emac, Anaao Assomed, Cimo, Fesmed, Fassid, Fvm Fp Cgil Medici, Federazione Cisl Medici, Uil Fpl Medici apprendono, a mezzo stampa, dell’intesa raggiunta tra le Università di Palermo, Messina e Catania e la Regione Sicilia in materia di programmazione sanitaria e protestano sulla loro ennesima esclusione dai tavoli di confronto regionali.
“Ancora una volta i Sindacati della dirigenza medica e sanitaria vengono ignorati dalla politica regionale su temi che incidono pesantemente sulla programmazione della sanità regionale e sui suoi assetti organizzativi” – dichiara l’Intersindacale della dirigenza medica e sanitaria -.“Il Presidente della Regione, Renato Schifani – sottolineano i sindacati – afferma che il nuovo Protocollo di intesa tra Università e Regione è frutto del dialogo costante portato avanti dal governo con tutti i soggetti che fanno parte del sistema sanità, ma non c’è niente di più lontano dalla realtà e limitarsi a discutere dei nuovi assetti della sanità siciliana soltanto con i tre Rettori degli Atenei isolani appare del tutto insufficiente”.
“L’istituzione dei Dipartimenti Interaziendali, ovviamente a guida universitaria, non è altro che il solito tentativo di infiltrarsi profondamente nella sanità pubblica ospedaliera col chiaro obiettivo di accaparrarsi quante più possibili poltrone direttive a discapito degli ospedalieri”.
“Stiamo valutando – conclude ’Intersindacale della dirigenza medica e sanitaria – la possibilità di ricorrere in sede giudiziaria contro un Protocollo di Intesa che interessa ambiti non propriamente accademici e, nelle more, chiediamo all’assessore della Salute, Giovanna Volo, un incontro urgente per confrontarci sui temi di programmazione sanitaria rispetto ai quali abbiamo certamente qualcosa da dire, non accettando di essere messi di fronte al fatto compiuto”.

ilGaz.it

Direttore responsabile