D’Amico: «Ersu apre gli spazi del teatro San Saverio all’Alberghiera per gli spettacoli Agricantus finanziati dal Comune di Palermo»

Plauso di ERSU Palermo per iniziativa del Comune di Palermo all’Albergheria. Gli spettacoli di Agricantus al San Saverio nel solco della collaborazione con l’ERSU, che ha dato impulso allo sviluppo di ulteriori sinergie con alcune realtà del territorio al fine di favorire l’inclusione e la partecipazione dei ragazzi, degli anziani e delle famiglie.

“L’ERSU di Palermo mette a disposizione i propri spazi per contribuire a fare emergere e riscattare il quartiere Albergheria: l’occasione ci è stata data dal Comune di Palermo, cui va il nostro plauso per l’iniziativa, che attraverso la cooperativa culturale Agricantus ha chiesto la disponibilità degli spazi teatrali dell’Ente regionale per il diritto allo studio universitario che insistono nel quartiere per il progetto ‘Sogno di Natale’.”

A parlare è Michele D’Amico, presidente di ERSU Palermo, che ricorda come “l’adesione all’iniziativa, portata avanti da Agricantus, rappresenta un’altra sinergia inclusiva con il territorio su cui l’Ente negli anni è sempre stato impegnato per fare incontrare la comunità studentesca con la popolazione del popolare quartiere palermitano.”

Il programma del Comune di Palermo, operato da Agricantus nei locali dell’ERSU, prevede in particolare due spettacoli gratuiti aperti alla cittadinanza, presso la Sala Multimediale (75 posti a sedere) della residenza universitaria San Saverio (via Di Cristina, 7) all’Albergheria:

Sergio Vespertino in “Fiato di Madre”, con musiche di Pierpaolo Petta, giorno mercoledì 3 gennaio 2024, alle ore 17;

Antonio Zarcone (pianoforte) e Pamela Barone (voce), in “Antiche e nuove atmosfere natalizie”, giorno giovedì 4 gennaio 2024, ore 17.

Per partecipare agli eventi è necessario presentarsi almeno mezz’ora prima dell’inizio degli spettacoli e l’ingresso sarà consentito in ordine di arrivo, fino a esaurimento posti.

Il Comune di Palermo, Area della Cultura, ha inserito e finanziato la proposta artistica “Sogno di Natale” di Agricantus, società cooperativa culturale sociale di Palermo, nell’ambito delle iniziative culturali Natale 2023 “Palermo Stella mia”: “Un’iniziativa che si inserisce nel solco della collaborazione con l’ERSU – sottolinea la presidenza di Agricantus – e che ha dato impulso allo sviluppo di ulteriori sinergie con alcune realtà del territorio tra cui l’Associazione Parco del Sole, il Centro San Saverio, la parrocchia Chiesa di San Giuseppe Cafasso, nonché le associazioni del quartiere, al fine di favorire l’inclusione e la partecipazione dei ragazzi, degli anziani e delle famiglie.“

Sergio Vespertino
Sotto il grembiule di ogni mamma c’è il ricordo di una ragazza scapigliata e un po’ egoista che si è trasformata in “angelo del focolare”. La maternità è, in ordine di tempo, la seconda professione più vecchia del mondo. La mamma è una sola…due non sarebbero compatibili con la sopravvivenza. Spettacolo agile, adatto a tutti che permette allo spettatore di ritrovarsi come figlio o genitore. Argute trovate comiche, fraseggi intelligenti e carichi di ironia, per fa rivivere l’infanzia di ognuno di noi e i “microtraumi” che hanno accompagnato la nostra crescita grazie alle migliaia di raccomandazioni delle mamme. Ritmi serrati e ad un susseguirsi di continue risate daranno vita ad uno spettacolo estremamente comico da vedere con tutta la famiglia !!!

Antonio Zarcone e Pamela Barone
Un recital con sonorità classiche e jazz interpretato dal pianista Antonio Zarcone, tra i più apprezzati in Sicilia, che si fonderanno con la voce calda e coinvolgente di Pamela Barone, raffinata ed elegante interprete. Verranno ripercorse antiche e nuove atmosfere del Santo Natale, attraverso le musiche di “Adeste Fideles”, “Silent Night”, “Tu scendi dalle Stelle”, “O Holy Night” tra i grandi classici che accompagnano la festa fin dall’infanzia. E, inoltre, saranno proposti brani come “Over The Raimbow”, “Beautiful that way”, “Imagine” simbolo di pace, amore e fratellanza.

 

ilGaz.it

Direttore responsabile