“Cedere, Immediatamente”, ERSU promuove iniziativa su concetto di trasmissione e convivenza, per rafforzare connessione tra studenti universitari

“Ersu Palermo promuove il benessere degli studenti – dice il presidente Michele D’Amico – non solo con servizi e benefici economici, ma contribuisce a rafforzarne la connessione con iniziative culturali come la ricerca di Federica Cuccia sull’appartenenza reciproca e casuale tra gli esseri viventi e la convivenza”.

Partono le candidature online attraverso il link https://www.cedereimmediatamente.it/iscrizioni/ per partecipare al laboratorio di creazione, ricerca scenica e scrittura “Cedere, immediatamente- pratiche di convivenza e trasformazione; un progetto patrocinato da ERSU Palermo, Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario, in partnership con il Museo Riso e la Qmedia.
Si tratta di un’ampia opera interdisciplinare dove l’autrice Federica Cuccia – coinvolgendo gli studenti universitari – conduce una ricerca sull’appartenenza reciproca e casuale tra gli esseri viventi, la convivenza e la sympoiesis interspecie, mettendo in discussione il concetto di trasmissione ai giorni nostri.

“Il Consiglio di amministrazione dell’ERSU ha sostenuto questa iniziativa, un percorso di crescita sul solco del bisogno di non ricoprire solo il ruolo di ente che eroga servizi e benefici economici, ma che possa anche contribuire al benessere degli studenti a partire dal metterli in connessione, anche attraverso iniziative culturali come questa”: questo il commento di Michele D’Amico, presidente di Ersu Palermo.

Le attività del progetto si svolgeranno tra il giorno 20 novembre e il giorno 13 dicembre 2023, con performance e talk aperti al pubblico; il 5, 6 e 13 dicembre le performance si svolgeranno presso il Museo Belmonte Riso e presso la Cappella dell’Incoronazione, a Palermo (lunedì-venerdì ore 9:00/13:00, mercoledì ore 9:00-18:00).

La prima tappa del percorso sarà il laboratorio gratuito “Pratiche di convivenza e trasformazione”: una residenza artistica di scrittura e composizione scenica con pratiche di raccolta e creazione collettiva, incontri e performance aperte al pubblico. Rivolto agli studenti universitari di UNIPA e LUMSA, di accademia delle belle arti e conservatori della Sicilia occidentale, possono partecipare anche ricercatori, docenti, allievi e professionisti delle arti sceniche, nonché eventuali persone interessate a esplorare dinamiche collaborative nella creazione artistica.

Federica Cuccia è autrice e performer. Diplomata in arte drammatica presso la Scuola Internazionale Estudio Corazza, si è formata e ha lavorato, tra gli altri, con: Yoshi Oïda, Thomas Richards e Mario Biagini, Gabriel Chamé, Marco Bellocchio, Emma Dante, Jean-Guy LeCat e Majdi-Bou Matar. Attualmente vive e lavora a Madrid e partecipa a diversi progetti scenici tra Italia e Spagna.


CALENDARIO E ORARI

• Laboratorio- residenza artistica: dal 20 novembre al 3 dicembre.
9:00- 13:00 lunedì- venerdì, 9:00- 19:00 mercoledì Palermo Museo Riso, Cappella dell’Incoronazione – via Incoronazione 13
15:00- 20:00 lunedì- venerdì Palermo Sala Bataclàn- Residenza Universitaria S. Saverio, via G. Di Cristina, 7

• Pratiche performative e talk aperti al pubblico: 5, 6 e 13 dicembre
Palermo Museo Riso, Cappella dell’Incoronazione – via Incoronazione 13

• Videoinstallazione: dal 5 dicembre (inaugurazione) al 13 dicembre
Palermo Museo Riso, Cappella dell’Incoronazione – via Incoronazione 13

IL LABORATORIO
Il laboratorio prevede training, raccolta di materiali, pratiche di scrittura e di composizione scenica, performance aperta al pubblico esterno, condivisione di tesi e riflessioni in talk pubblici con docenti, studenti e professionisti invitati. Si indaga il campo compositivo come situazione collaborativa nella tensione tra la convivenza in scena, il lasciarsi guardare e l’agire.

LA VIDEOINSTALLAZIONE
Il dispositivo video-installativo è composto da diversi piani in costante dialogo quali estensione e amplificazione l’uno dell’altro: un Ficus Macrophylla Columnaris, un corredo mai aperto, il paesaggio sonoro, il corpo, l’umano.

LA PERFORMANCE
La ricerca e la performance sono azioni di chiamata, sempre in attesa, sempre in processo, sempre aperta e allo stesso tempo risponde, tramanda. Diviene manifesto che chi entra nel dispositivo si converte in suo abitante: ogni transito in questo microcosmo è un intervento che modifica la scena; ogni ingresso continua la performance, che assume un aspetto continuo e collettivo e si svincola dalla gerarchia attore/pubblico. Cosí come chi entra e transita nel mondo è parte di una continua performance cosmica, perché interviene nello spazio e lo modifica per sempre.
Un tempo circolare, in cui tra te e me non c’è differenza. Io proseguo in te, sono un essere transitorio. Noi, la comunità degli esseri viventi, permaniamo.

 

ilGaz.it

Direttore responsabile