Spettacoli, Mancuso (Forza Italia): applicare in Sicilia norma nazionale che affida autorizzazione ai Comuni

Occorre applicare anche in Sicilia la norma nazionale che prevede che siano i Comuni a gestire le autorizzazioni per i pubblici spettacoli fino ad un massimo di 1000 spettatori.

È quanto propone la commissione speciale per lo statuto e le questioni statutarie dell’Assemblea Regionale Siciliana presieduta dal deputato di Forza Italia Michele Mancuso, dopo le audizioni svolte sull’argomento.
“Già dagli anni ’70 – spiega Mancuso – nelle Regioni a Statuto ordinario le funzioni di polizia amministrativa riferite agli spettacoli pubblici sono state trasferite prima dallo Stato alle Regioni e poi ai Comuni.
Questo permette una estrema semplicità e celerità delle procedure amministrative, che prevedono unicamente una SCIA da presentare allo Sportello per le attività produttive. Un sistema – conclude Mancuso – che soprattutto nel periodo estivo sarebbe di grande utilità.”

In Sicilia invece, si applicano ancora le vecchie norme che prevedono il rilascio delle autorizzazioni da parte della Questura competente, in attesa di una norma di attuazione da approvare in Conferenza Stato-Regione.

“Queste norme – conclude Mancuso – una volta approvate, semplificheranno notevolmente il procedimento di autorizzazione dei pubblici spettacoli dal vivo con un massimo di mille partecipanti, alleggerendo il carico di lavoro amministrativo per le Questure e facilitando l’attività d’impresa degli organizzatori degli eventi.”

 

ilGaz.it

Direttore responsabile