Bomba d’acqua su Stromboli. Danni ingenti, volontari al lavoro per aiutare a liberare case e strade dai detriti

L’isola di Stromboli ieri, venerdì 12 agosto, colpita da un nubifragio è stata invasa da colate di fango dovute, secondo il sindaco Riccardo Gullo, alla mancanza di vegetazione distrutta da un incendio avvenuto durante le riprese di una fiction.

Sbarcati sull’isola delle Eolie (provincia di Messina) mezzi meccanici dei Vigili del fuoco e numerosi volontari. Il sindaco ha affermato che i danni sono ingentissimi e chiederà lo stato di calamità.

“Gli eventi alluvionali con dissesti idrogeologici, colate rapide, che stanno accadendo in tutta Italia ad inizio Agosto, nelle Valli Pusteria, Badia e Fassa al Nord; Monteforte Irpino, Stromboli e Scilla al Sud, sono determinati da piogge intense che in passato venivano classificate come eventi eccezionali ma che ora stanno invece diventando sempre più usuali, a causa del surriscaldamento del suolo e dell’atmosfera indotto dai cambiamenti climatici in atto. E in Italia si sta manifestando un serio incremento dei comuni coinvolti dai fenomeni meteorologici estremi, oltre 600 nel 2021, con un incremento del 18% rispetto all’anno precedente, associato anche ad un fattore di espansione areale, ossia un maggiore coinvolgimento di zone geografiche che prima non erano interessate. In considerazione di ciò, occorre intervenire subito per mettere in sicurezza la popolazione dagli eventi alluvionali a rapida insorgenza (Flash flood/colate rapide) nelle aree abitate di fondovalle allo sbocco di piccoli bacini idrografici superficiali con pendenze elevate, in quanto questi territori sono maggiormente esposti ad un livello di rischio molto elevato per la possibilità di eventi piovosi di rilevante intensità. Non dobbiamo sottovalutare anche gli incendi, ricordiamo ad esempio quanto è accaduto poco tempo fa proprio sullo Stromboli e la natura dei versanti interessati dove spesso, come in Irpinia si sono depositati materiali piroclastici”. Lo ha affermato il geologo Alfredo Trocciola della Società Italiana di Geologia Ambientale, inoltre anche ricercatore ENEA e profondo conoscitore dei fenomeni franosi in Italia.

 

ilGaz.it

Direttore responsabile