Palermo, arrestati per voto di scambio politico-mafioso Pietro Polizzi, candidato al consiglio comunale per Fi e il costruttore Agostino Sansone

La Polizia ha arrestato per scambio elettorale politico-mafioso Pietro Polizzi, candidato di Forza Italia al Consiglio comunale di Palermo per le elezioni che si terranno domenica prossima. Ha ritirato la sua candidatura Adelaide Mazzarino, in ticket con Polizzi e sostenuta da Gianfranco Miccichè.

Secondo la Procura, il candidato avrebbe stretto un patto con i boss dell’Uditore, i costruttori Sansone, che ospitarono il capomafia Totò Riina in una delle loro ville in via Bernini, nell’ultimo periodo della latitanza. Insieme a Polizzi, che si è ritirato dalla competizione elettorale, arrestato anche Agostino Sansone.
Eletto nel 2008 consigliere alla Provincia con l’Udc, diventandone poi capogruppo, nel 2017 Polizzi si era candidato al consiglio comunale, senza però essere eletto, con la lista Uniti per Palermo (diventata Sicilia Futura) a sostegno di Leoluca Orlando.

Dopo l’arresto di Polizzi, Adelaide Mazzarino, moglie del vicepresidente dell’Ast Eusebio Dalì, anch’essa in lizza per le elezioni comunali in ticket con Polizzi, ha annunciato di ritirare la propria candidatura. Nelle intercettazioni della Polizia, la Mazzarino viene definita dallo stesso Polizzi come la candidata del presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè.
“Fermo restando che mi assumo la piena responsabilità dell’errore di candidare Polizzi – ha dichiarato Gianfranco Micciché, coordinatore regionale di Forza Italia – a mia parziale discolpa posso dire che avevamo il casellario giudiziario di Polizzi da cui non risultava nulla. E comunque si è trattato di un errore imperdonabile. Noi non facciamo altro che predicare l’onestà per tutti i nostri candidati e sono veramente molto dispiaciuto”. Micciché ha affermato di avere chiesto ad Adelaide Mazzarino di ritirarsi dalla campagna elettorale “anche se so che è in assoluta buona fede e sono sicuro che non avrebbe accettato voti del genere”.


(Nella foto, Gianfranco Micciché, coordinatore regionale di Forza Italia)

ilGaz.it

Direttore responsabile