Elezione sindaco di Palermo: Faraone fa “passo di lato” e appoggia candidatura Lagalla

Lo stesso giorno che Forza Italia e Lega convergono sul nome di Francesco Cascio come futuro sindaco di Palermo, si registra un altro “compattamento” politico: il renziano Davide Faraone annuncia di ritirare la sua candidatura e fa un “passo di lato” appoggiando Roberto Lagalla, sostenuto dall’Udc.
“Ho sempre detto che a Palermo servirebbe unità, servirebbe il modello Draghi, servirebbe una classe politica, che anziché guardare al proprio ombelico, pensasse alla città, ai suoi drammatici problemi economici, alle strade sporche e piene di buche, alle bare senza sepoltura e soprattutto a come dare le risposte adeguate. Purtroppo la risposta della classe politica, anche la mia, non è stata all’altezza”, dichiara il senatore Davide Faraone (Italia Viva).
“Ho deciso quindi di essere coerente, da un lato togliendomi dall’imbarazzo, dall’altro lato scegliendo un candidato in campo, semplificando e sforzandomi di dare un segnale di unità innanzitutto ai miei concittadini.
Non faccio un passo indietro, sosterrò il mio amico Roberto Lagalla, l’ho conosciuto da Rettore, poi da vicepresidente del CNR, quando ho avuto l’onore di ricoprire l’incarico di sottosegretario alla Scuola, all’Università e alla Ricerca scientifica. Lo reputo il più adatto a svolgere il ruolo di Sindaco e il più affine alle mie idee, non me ne vogliano tutti gli altri candidati, che stimo ed apprezzo. Darò il mio contributo da senatore della Repubblica, come ho sempre fatto e continuerò a fare.
Darò una mano a Roberto, in prima linea, nei modi e nelle forme che meglio spiegherò in una conferenza stampa che terremo insieme nei prossimi giorni”