Palermo, assistenti sociali senza stipendio da 10 mesi. Comune non paga le cooperative che erogano i servizi per suo conto

L’amministrazione comunale di Palermo con ritardi non giustificati non ha ancora predisposto la determina necessaria per corrispondere 10 mesi di stipendi arretrati agli assistenti sociali dipendenti delle cooperative che operano per conto del Comune.

“Ritengo inconcepibile quello che sta accadendo al personale preposto ad aiutare i cittadini che vivono un forte disagio sociale, costretto a lavorare per oltre 10 mesi senza percepire lo stipendio, ma ahimè oramai da questa Amministrazione dobbiamo aspettarci di tutto”, dichiara Ottavio Zacco, consigliere comunale e presidente della VI commissione, competente per “Programmazione, Sviluppo economico e attività produttive”.
“In una città, dove il disagio sociale e l’emergenza abitativa sono tra i più alti d’Italia, il Comune di Palermo a causa di ritardi non giustificati, tutt’oggi, non ha ancora predisposto la determina necessaria per corrispondere i 10 mesi di stipendi arretrati agli assistenti sociali dipendenti delle cooperative che operano per conto del Comune presso gli uffici dell’Agenzia per la casa.
Una situazione surreale che fino ad oggi non ha creato disagi alle numerose famiglie indigenti, in attesa di un aiuto da parte delle istituzioni, soltanto grazie allo spirito di abnegazione e di solidarietà del personale.
Auspico che si proceda prontamente a predisporre la determina, affinché si dia la meritata dignità ai lavoratori che attendono da troppi mesi gli emolumenti arretrati, così da poter continuare a garantire un servizio essenziale per la cittadinanza”

Giuseppe Pagano

Direttore responsabile