Carburante agricolo, Cia e Copagri chiedono incontro ad assessore Scilla per procedure semplificate previste da emergenza Covid

Le nuove regole per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato penalizzano il settore dell’agricoltura in Sicilia. Cia e Copagri scrivono all’assessore Scilla per ripristinare le modalità in vigore negli anni scorsi.

“L’assegnazione del carburante agricolo agevolato è la prima attività annuale dell’intero mondo agricolo ma le nuove regole di presentazione delle richieste stanno determinando troppi ritardi”.
Lo scrivono in una lettera a firma congiunta inviata all’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla e al dirigente generale Dario Cartabellotta, i presidenti regionali di Cia Rosa Giovanna Castagna e Copagri Natale Mascellino.
Nella lettera si chiede che l’assegnazione del carburante agricolo avvenga con le medesime modalità degli anni scorsi, ovvero assegnazione del 50% sul prelevato dell’anno precedente a seguito di autocertificazione del produttore, completamento della richiesta entro il 30 giugno 2022. Questa procedura è possibile poiché fino al 31 marzo è attivo lo stato di emergenza Covid per cui molte procedure possono essere semplificate, rispettando le norme e garantendo i diritti degli agricoltori.
Nella lettera viene reiterata, inoltre, la richiesta di incontro anche in videoconferenza per affrontare diverse problematiche del mondo agricolo.

ilGaz.it

Direttore responsabile