Ondata di contagi da variante Omicron, dal 3 gennaio anche la Sicilia in Zona Gialla

Cosa cambia in Sicilia con l’entrata in zona gialla? Sostanzialmente niente, visto che le restrizioni previste nella zona gialla sono state già introdotte in tutta Italia dal Governo Draghi.

Le attività consentite con e senza green pass e le faq sulle restrizioni in atto.

La principale differenza tra bianca e gialla era l’uso della mascherina anche all’aperto, diventata obbligatoria con il Decreto del 23 Dicembre. Un’altra restrizione introdotta dal Governo riguarda le mascherine ffp2, diventate obbligatorie sui mezzi di trasporto (sia locale che a lunga percorrenza) che per entrare in cinema e teatri.

Le regole iniziano a differenziarsi se una regione entra in zona arancione: per passare da giallo ad arancione devono essere superate queste 3 soglie: incidenza oltre 150 casi per 100mila abitanti. Percentuale di posti letto occupati nelle terapie intensive oltre il 20%. Percentuale di posti letto occupati nei reparti Covid ordinari oltre il 30%. Al momento le regioni che rischiano di entrare in zona sono arancione Liguria, Calabria, Friuli e Veneto.

In base alle disposizioni nazionali in vigore per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e alle ordinanze del Ministro della Salute, da lunedì 3 gennaio si applicano le misure previste per la zona gialla a Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Veneto e alle Province autonome di Trento e di Bolzano.

Ecco la tabella aggiornata al 31/12/2021 delle attività consentite senza green pass, con green pass “base” e con green pass “rafforzato”.

Qui le le FAQ sull’utilizzo della mascherina e sulle nuove norme per la quarantena, valide su tutto il territorio nazionale.

ilGaz.it

Direttore responsabile