PNRR, Sant’Agata di Militello: 11,2 mln per l’asse viario di collegamento tra SS 113 e area portuale

Infrastrutture trasporti, a Sant’Agata di Militello PNRR e Zes consentono di realizzare un’opera strategica che cambierà il volto della città.

La realizzazione dell’asse viario di collegamento tra la zona portuale di Sant’Agata Militello e la viabilità principale sulla statale 113 sarà finanziata con 11,2 milioni di euro grazie alle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza destinate nell’ambito delle Zone Economiche Speciali della Sicilia.

Dichiara il sindaco di Sant’Agata di Militello Bruno Mancuso: “Un progetto, per cui l’amministrazione comunale si è dotata sin dal proprio insediamento di uno studio di fattibilità tecnica ed economica, ritenuto corrispondente a livello statale ai criteri per l’inserimento nel piano di finanziamento che permetterà così di realizzare un’opera strategica e di fondamentale importanza per il territorio. Il 4 dicembre scorso al Castello Gallego sono stati illustrati i passaggi che hanno portato all’attribuzione del finanziamento, alla presenza del Sottosegretario di Stato per le infrastrutture e la mobilità sostenibili, sen. Giancarlo Cancelleri, cui va riconosciuto il merito di aver sostenuto sin dal principio l’istanza del comune seguendone costantemente l’iter.

Si tratta di un’opera che avevamo messo al primo posto nel nostro programma perché riteniamo che la sua realizzazione possa cambiare il volto della città.
L’asse viario sarà, infatti, utile non solo alla piena funzionalità dell’intera aera di un porto così importante come il nostro, con tutte le attività commerciali, diportistiche e di trasporto passeggeri, ma nello stesso tempo consentirà di decongestionare il traffico cittadino, principalmente per quanto riguarda il transito dei mezzi pesanti, migliorando così la vivibilità cittadina. Dopo l’insediamento avevamo subito dato mandato di predisporre un progetto preliminare e questo ci ha dato la possibilità di ottenere a tutti gli effetti il finanziamento. Attendiamo ora l’insediamento del commissario Zes per la Sicilia orientale per procedere con i passaggi successivi.”

ilGaz.it

Direttore responsabile