Interporto di Termini Imerese, Falcone: «Nel 2022 l’appalto per costruire un’opera attesa da decenni»

«Il recupero del sistema degli Interporti siciliani, attuato dal Governo Musumeci, dovrà culminare nella realizzazione di un’opera attesa da decenni: l’Interporto di Termini Imerese.»
Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, intervenendo al convegno “Sicilia tra PNRR e fondi comunitari, opportunità e sfide per imprese e istituzioni”, organizzato a Palermo da Confindustria Sicilia e Sicindustria.
«Negli ultimi mesi la Regione ha affrontato la vicenda come mai si era registrato finora, rivolgendosi anche all’autorevole contributo dell’Università di Palermo. Abbiamo ricevuto lo studio su potenzialità e utilità dell’investimento con una valutazione positiva, dunque possiamo porci l’obiettivo di varare l’appalto per la costruzione dell’infrastruttura, puntando sulla sinergia pubblico-privato».
«Quando ci siamo insediati, la Società Interporti – ha sottolineato l’assessore – era un carrozzone decotto. L’abbiamo rimesso in piedi e raggiunto risultati attesi da tempo, come l’utilizzo del Polo Logisitico e l’imminente completamento del Polo Intermodale dell’Interporto di Catania. Su Termini il Governo Musumeci, confermando impegno e risorse disponibili, porrà in essere tutti gli atti necessari per definire la progettazione e mandare in gara l’opera nel 2022. Prevediamo, altresì – ha concluso – un investimento del futuro soggetto gestore, da individuare mediante procedura trasparente».

ilGaz.it

Direttore responsabile