Regione Sicilia taglia chilometri, allarme trasporti su gomma. Aziende e sindacati chiedono chiarezza a Musumeci e Falcone

La Regione Siciliana nel cosiddetto “avviso di preinformazione” indica che gli autobus extraurbani potranno offrire ai siciliani 48 milioni di chilometri ogni anno, al posto degli attuali 62 milioni.

Aziende e sindacati chiedono tavolo su futuro trasporti settore privato e pubblico su gomma in Sicilia a Giunta Musumeci e assessore Falcone.

Antonio Graffagnini
Antonio Graffagnini, presidente Anav Sicilia

Garantire un futuro di lavoro alle aziende siciliane che operano nel trasporto pubblico e privato, pianificazione dei servizi, evitare che aziende straniere possano in qualche modo preparare l’assalto al mercato dell’Isola.
Sono questi gli argomenti affrontati nel corso di un incontro tra sindacati di categoria e Anav Sicilia e Asstra Sicilia, associazioni datoriali del trasporto pubblico locale, che chiedono chiarimenti al governo di Nello Musumeci. “in vista dei prossimi bandi – spiega Antonio Graffagnini, presidente di Anav Sicilia – abbiamo convenuto che bisogna organizzarsi anche con la costituzione di consorzi di aziende. Per questa ragione, chiederemo alla Regione Siciliana, e in particolare all’assessore Marco Falcone, un tavolo tecnico, alla presenza delle organizzazioni sindacali, per capire insieme qual è il futuro che ci attende, anche in considerazione dei probabili tagli occupazionali legati al consistente taglio dei chilometri”, conclude Graffagnini.

ilGaz.it

Direttore responsabile