Assistenza disabilità Sicilia, mancano 10 milioni. Caronia: “Scelta gravissima da rivedere”. Presentato emendamento

In vista della riapertura delle scuole, mancano i fondi per l’assistenza agli studenti disabili.

Nella bozza del disegno di legge sull’esercizio provvisorio, in discussione in questi giorni all’assemblea regionale siciliana, necessari almeno 10 milioni per coprire i costi dell’assistenza per gli studenti con disabilità.
I servizi potrebbero quindi interrompersi già un queste ore di ripresa dell’attività scolastica in presenza.
La denuncia viene da Marianna Caronia che, con un emendamento proposto in commissione bilancio, ha chiesto di destinare le somme necessarie per garantire il servizio almeno fino alla fine dell’anno scolastico 20/21.
Per la deputata di Forza Italia, “siamo di fronte ad un nuovo capitolo della storia incredibile di violazione dei diritti basilari dei cittadini con disabilità.
Ancora una volta, i fondi per questi servizi fondamentali, ed obbligatori per legge, non sono considerati una priorità, paventando interruzioni o quantomeno la intermittenza di un servizio che va invece garantito con continuità per essere efficace.
Credo che il Governo e la maggioranza debbano fare priorità a questo intervento, rivedendo la scelta fatta, che espone per altro l’amministrazione pubblica a gravi e pesanti contenziosi come già avvenuto in passato. Il diritto all’assistenza non può essere considerato secondario o accessorio”.

 

ilGaz.it

Direttore responsabile