Governo Musumeci firma accordo con “Io Compro Siciliano” per valorizzare le eccellenze dell’Isola attraverso il marchio QS, Qualità Sicura Garantita

Presentate le novità del progetto che ha messo insieme quasi tremila imprese e 257mila utenti: dalla card per il turista al più grande marketplace di prodotti siciliani.

Accordo tra Regione siciliana e “Io compro siciliano”, insieme per valorizzare e promuovere i prodotti siciliani di qualità partendo dal marchio QS.

Firmato stamani a Palermo il protocollo d’intesa tra la società che gestisce il concept che si è affermato durante il lockdown e l’assessorato regionale all’Agricoltura.

Valorizzare i prodotti agroalimentari siciliani con un elevato standard qualitativo, favorendone la diffusione attraverso mirate azioni di co-marketing e manifestazioni di livello nazionale ed internazionale. È questo, in estrema sintesi, l’obiettivo del protocollo d’intesa sottoscritto oggi dall’assessorato regionale all’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea ed “Io Compro Siciliano” che si sono impegnati ad ottenere il massimo risultato partendo dalla promozione condivisa del marchio QS – Qualità Sicura Garantita. L’accordo è stato firmato questa mattina a Palermo, nei saloni della Presidenza della Regione Siciliana, alla presenza del governatore della Sicilia, Nello Musumeci, degli assessori regionali Edy Bandiera (Agricoltura) e Toto Cordaro (Territorio e Ambiente) e dei fondatori di Io Compro Siciliano, Giuseppe Giorgianni, Davide Morici e Francesco Caravello.

A firmare l’accordo per progettare e realizzare interventi di valorizzazione e promozione delle eccellenze siciliane è stato lo stesso assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, che scommette sul marchio di qualità della Regione Siciliana.

“Fin dal primo momento dell’insediamento del nostro Governo – ha dichiarato Bandiera – abbiamo impresso una forte accelerazione affinchè, attraverso l’approvazione dei disciplinari di produzione, la stesura dei piani di controllo e l’individuazione degli enti certificatori, si giungesse all’utilizzo, da parte delle aziende siciliane, del marchio “QS” Qualità Sicura, garantita dalla Regione Siciliana. Nei prossimi mesi, infatti, i consumatori di tutta Europa, potranno finalmente acquistare i primi prodotti con il nostro marchio, sinonimo di elevato standard qualitativo, controllato e certificato. Un passaggio fondamentale per portare a compimento quest’importante percorso è quello di rendere edotto il consumatore, attraverso una campagna di promozione e sensibilizzazione sul consumo delle eccellenze agroalimentari siciliane. In questa direzione un plauso va certamente al movimento “Io Compro Siciliano” – ha aggiunto l’Assessore all’Agricoltura – impegnato nel comune obiettivo di sostenere e promuovere il consumo di prodotti siciliani di qualità, sia per le intrinseche proprietà nutrizionali ed organolettiche che per sostenere le filiere agroalimentari dell’Isola, consentendone il più ampio sviluppo”.

Per “Io Compro Siciliano”, la firma sull’accordo è stata posta dagli ideatori e fondatori del fenomeno social, Giuseppe Giorgianni, Davide Morici e Francesco Caravello che hanno anche presentato in diretta streaming con i propri country manager presenti in Cina, Canada, Australia, Russia e Stati Uniti, le più importanti novità che in queste ultime settimane stanno traghettando il gruppo Facebook che ha raggiunto quasi 260 mila followers verso un progetto più ambizioso e complesso. Oggi, “Io Compro Siciliano” è un brand vincente che si candida a dare opportunità e visibilità internazionale a quasi tremila aziende siciliane che hanno già aderito al progetto.

Da Catania, anche l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Manlio Messina, non ha voluto far mancare il suo apporto.

“In considerazione dell’importanza dell’iniziativa che promuove la Sicilia e i suoi prodotti nel mondo – afferma Manlio Messina – abbiamo dato il patrocinio per sostenere le attività che si stanno portando avanti e che puntano a offrire la vera immagine della nostra isola”.


Widget not in any sidebars

ilGaz.it

Direttore responsabile