Fase 3, difficile accesso al credito per imprese. Palermo resiliente: “Necessari tempi rapidi e certi”

Difficoltà di accesso al credito, aiuti concreti alle imprese, i problemi di strutture sanitarie, come i numerosi laboratori d’analisi, sono stati i temi del terzo appuntamento, ieri sera, della neonata rete “Palermo Resiliente”.

Massimo Rizzuto, promotore della rete, che ha organizzato un dibattito con diretta Facebook e su Radio Action da “SciùRum”, in via Maqueda.
Al centro del dibattito la sofferenza e la ripartenza delle imprese in seguito alla pandemia da coronavirus che ha messo in ginocchio tutte le aziende e che ha toccato tutti i settori produttivi. Al confronto, coordinato da Massimo Rizzuto, hanno partecipato Barbara Castorina, esperta di credito, Elisa Interlandi, presidente Cidec Federsanità, e Nasser Charles Ayazpour, titolare di SciùRum, in via Maqueda a Palermo. Tutti d’accordo sulla necessità di semplificare attuando strategie comuni valide per tutte le imprese e una maggiore facilità nell’erogazione del credito.

“Anche molte imprese sanitarie sono state sconvolte dalla pandemia – ha detto Elisa Interlandi – per esempio i laboratori d’analisi sono stati colpiti con il dimezzamento del giro di pazienti-utenti e gran parte del personale posto in cassa integrazione. Oggi stiamo scommettendo anche sull’avanzamento tecnologico perché comprendiamo che strutture come i laboratori d’analisi sono presidi fondamentali per i cittadini nel territorio”.

“Il problema dell’accesso al credito resta sempre vivo – ha spiegato Barbara Castorina, esperta di credito –spesso c’è poca attenzione da parte delle banche e diciamoci la verità in queste settimane non si è registrata quella iniezione di liquidità che tutti si aspettavano con maggiore rapidità. E parlo dei famosi 25 mila euro che adesso sono 30 mila interessanti per far ripartire le imprese, ma che tardano ad arrivare per via delle lungaggini che riguardano le istruttorie. Serve rapidità nell’erogazione dei fondi – ha aggiunto -. Oggi attendiamo lo sblocco della situazione Crias da sei mesi, è impensabile in questa situazione che stiamo vivendo che la cassa degli artigiani sia bloccata. Come si fa a rendere più semplici gli ingranaggi inceppati che non funzionano al servizio di cittadini e imprese?Abbiamo bisogno di risposte concrete”,  ha sottolineato Barbara Castorina, esperta di credito. “Abbiamo bisogno di risposte concrete”.

“Bisogna venire incontro alle imprese – ha detto Nasser Nasser Charles Ayazpour – abbiamo ricevuto una fattura dell’energia elettrica di oltre 2.500 euro e poi, se andiamo a guardare le voci, troviamo dentro oltre al consumo anche Iva, tasse, non è possibile, in questo momento lo Stato dovrebbe intervenire a supporto e invece ci ritroviamo a non sapere che fare. Le promesse sono inutili”.

“Stiamo dialogando con le istituzioni e con la politica, cominciamo a trovare interlocutori che percepiscono la volontà di cambiamento in un’ottica finalizzata allo sviluppo, certo il problema dei finanziamenti alle imprese rispetto al sostegno dopo la pandemia resta centrale. Ci siamo accorti che i grandi istituti si prendono più tempo, mentre le banche più piccole e legate al territorio sono più rapide”, ha spiegato Rizzuto.

Palermo resiliente” è la realtà, ideata da Massimo Rizzuto, esperto in pianificazione strategica territoriale e promotore della rete, che aggrega imprenditori e portatori di interesse del territorio palermitano.  Attraverso 8 incontri tematici articolati nelle diverse circoscrizioni comunali, l’organizzazione vuol mettere in rete anche la capacità di fare sistema per il rilancio dell’economia produttiva della città di Palermo. L’incontro è stato seguito anche da Radio Action con Beppe Palmigiano.


Widget not in any sidebars