Palermo, deposito ortofrutticolo abusivo in zona Zisa per la compravendita di frutta all’ingrosso individuato da GdF

Orlando e Piampiano: “Anomalie segnalate dal Comune. Cittadini non si affidino a canali illegali e pericolosi per la salute”

“Avevamo notato e segnalato alle competenti autorità alcune anomalie nella assente o ridotta attività di più concessionari del mercato e l’indagine svolta efficacemente dalla Guardia di Finanza ha confermato i sospetti: piuttosto che rispettare le regole poste a tutela della salute dei cittadini e dei lavoratori, qualcuno pensa di potersi organizzare in privato.
Anche grazie all’eccellente lavoro dei militari della GdF, già martedì sarà disposta la sospensione cautelare di chi è coinvolto in questa vicenda e si avvieranno le procedure per la revoca della concessione.
Con un grande appello ai cittadini che per primi devono vigilare: soprattutto ora, in questo periodo così delicato per la salute di tutti, acquistate i vostri prodotti solo tramite canali ufficiali.
Perché se di solito è ‘soltanto’ illegale favorire l’abusivismo, oggi è estremamente pericoloso per la salute vostra e delle persone cui volete bene”, stante l’attuale emergenza sanitaria da coronavirus.
Lo hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alle Attività economiche Leopoldo Piampiano in merito all’indagine della Guardia di Finanza che ha individuato un “deposito” nella zona della Zisa nel quale in modo abusivo si svolgeva compravendita di frutta all’ingrosso da parte di un concessionario del mercato ortofrutticolo.


Widget not in any sidebars