Energia, prorogato al 2022 il regime di maggior tutela per uso domestico e microimprese

Nonostante continui il pressing quotidiano sui consumatori per il passaggio dalla maggior tutela al mercato libero per la fornitura di luce e gas, il Milleproroghe 2020, appena approvato alla Camera attraverso il voto di fiducia posto dal Governo Conte (315 si e 221 contrari), ha spostato al 2022 il termine per scegliere un operatore privato.

Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ARERA.

Con l’articolo 12, comma 3 del provvedimento (D.L. 162/2019 – A.C. 2325-AR) viene disposta la proroga, dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2022, del termine di cessazione del regime di tutela del prezzo per i clienti finali di piccole dimensioni nel mercato del gas.
La proroga del termine di cessazione dello stesso regime nel mercato dell’energia elettrica per le piccole imprese è stata disposta dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2021 e, per le micro imprese e per i clienti domestici, dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2022.

È poi demandata all’ARERA l’adozione di disposizioni per assicurare un servizio a tutele graduali per i clienti finali senza fornitore di energia elettrica, nonché specifiche misure per prevenire ingiustificati aumenti dei prezzi e alterazioni delle condizioni di fornitura.

Eni Gas e Luce ha diffuso un avviso in merito alle telefonate sospette che propongono offerte di altri fornitori

“In questo periodo stiamo ricevendo numerose segnalazioni da parte di nostri Clienti che dichiarano di essere stati contattati telefonicamente da soggetti che si spacciano per operatori di Eni gas e luce ma che propongono offerte di altri fornitori di gas ed elettricità, spesso utilizzando in maniera pretestuosa motivazioni quali una presunta scadenza dei contratti e un conseguente aumento delle tariffe. Ti comunichiamo che questi operatori agiscono illegittimamente e non hanno nessuna relazione con Eni gas e luce.
Se ricevi una telefonata di questo genere, il comportamento migliore da tenere è terminare immediatamente la conversazione chiedendo di non essere più richiamati.
Se vuoi verificare se chi ti ha contattato operi effettivamente per Eni gas e luce o comunque per chiarimenti o supporto in merito a queste telefonate improprie, non esitare a chiamarci al numero verde dedicato che abbiamo predisposto proprio per questa occorrenza: 800.689.829”.


(Immagine di copertina: elaborazione di una foto di Alessandro Bianchi su Unsplash)


Widget not in any sidebars