Acquisti della P.A., Governo regionale  volta pagina, accordo con Mef/Consip. Obiettivo maggiore partecipazione imprese siciliane

L’assessorato dell’Economia della Regione Siciliana, il MEF e la Consip  firmano un accordo di collaborazione sull’e-procurement con l’obiettivo di razionalizzare gli acquisti di beni e servizi delle amministrazioni regionali e aumentare la partecipazione delle imprese siciliane alle iniziative del Programma acquisti.

L’accordo prevede l’analisi e l’approfondimento dei fabbisogni delle amministrazioni per le quali opera la C.U.C. (Centrale Unica di Committenza della Regione Sicilia), con l’obiettivo di individuare una stretta sinergia con gli strumenti di acquisto del Programma di razionalizzazione della spesa della PA, gestito da Consip per conto del MEF.

Passi avanti sulla digitalizzazione grazie all’intesa: la Centrale potrà infatti utilizzare la piattaforma di e-procurement MEF/Consip, messa gratuitamente a disposizione di tutta la PA, per lo svolgimento delle proprie gare in modalità ASP (Application Service Provider).

Particolare attenzione sarà prestata allo sviluppo e all’inclusione del contesto produttivo locale, attraverso incontri informativi mirati al coinvolgimento delle aziende siciliane nelle iniziative di acquisto della CUC e di Consip.

Per “e-procurement” si intende un procedimento di “approvvigionamento elettronico” per l’acquisto di beni e servizi attraverso Internet.

“L’accordo di collaborazione – ha dichiarato il vicepresidente ed assessore per l’Economia della Regione Siciliana, Gaetano Armao – consentirà di riqualificare gli acquisti dell’amministrazione attraverso il potenziamento dell’attività della Centrale Unica di Committenza regionale, con il duplice obiettivo di razionalizzare la spesa pubblica e di amplificare le capacità concorrenziali del tessuto produttivo siciliano. Attiveremo presto, in collaborazione anche con le Associazioni di categoria, un programma informativo per favorire, tramite l’utilizzo degli strumenti di e-procurement messi a disposizione in questa importante collaborazione, l’accesso delle imprese locali al mercato della domanda pubblica, superando alcune criticità”.

“Consip ha un ruolo centrale nel sistema di e-procurement nazionale, di cui il contesto regionale è una componente fondamentale – ha dichiarato l’amministratore delegato di Consip, Cristiano Cannarsa – volto a fornire con i propri strumenti di acquisto trasparenza, digitalizzazione e controllo della spesa pubblica. I risultati di utilizzo della piattaforma di e-procurement, nel I semestre 2019, confermano la centralità dell’uso di questo strumento per sviluppare un procurement sempre più trasparente e digitale: oltre 550 gare pubblicate dalle amministrazioni territoriali (124 del 2018) per un valore di 3,3 miliardi di euro.”