La nave Gregoretti ormeggiata ad Augusta con 135 migranti. Salvini: “Nessuno sbarco senza il mio permesso”

Il vicepremier Matteo Salvini: “Non darò nessun permesso allo sbarco finché dall’Europa non arriverà l’impegno concreto ad accogliere tutti gli immigrati a bordo della nave. Vediamo se alle parole seguiranno dei fatti. Io non mollo”.

A bordo della nave Gregoretti della Guardia Costiera alcuni dei migranti che avevano lasciato lo scorso 25 luglio la Libia su più barconi ed erano stati soccorsi nei giorni scorsi, in acque Sar maltesi, da un peschereccio italiano e da uno tunisino e poi trasferiti tutti sull’unità militare.
Il Viminale ha ufficialmente interpellato la Commissione europea affinché coordini le operazioni di ricollocazione degli immigrati che attualmente sono a bordo della Gregoretti. In attesa di risposte ufficiali, non è stato indicato alcun porto di sbarco.

“La Gregoretti ha ormeggiato stanotte al porto di Augusta, come è normale che sia per una nave militare. Ora la Ue risponda, perchè la questione migratoria riguarda tutto il Continente”. Lo dice in una nota il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.
Duro il commento sulla vicenda del senatore Gregorio De Falco, già ufficiale del corpo delle Capitanerie di porto ed ex M5s, espulso dal Movimento a dicembre. Sequestrare a bordo della Gregoretti, nave militare ormeggiata in acque interne, con a bordo i naufraghi, scrive su twitter “non solo è illegale, ma è stupida ed inutile crudeltà”.