Va in scena il 14 marzo al Sant’Eugenio di Palermo, “Il muro”, diretto e interpretato da Vincenzo Pepe

Al Teatro Sant’Eugenio di Palermo, si rappresenta “Il Muro”, interpretazione liberamente ispirata al romanzo di Jean Paul Sartre, diretta e interpretata da Vincenzo Pepe, trentatreenne attore palermitano.

Lo spettacolo è in cartellone il 14 marzo alle 21.1 al Teatro Sant’Eugenio in piazza Europa 39/41 a Palermo, lo spazio teatrale con annessa scuola di teatro fondato e diretto da Mario Pupella, che si trova alle spalle della chiesa di Sant’Eugenio Papa.

Sinossi  de”Il Muro”

Non c’è niente di più oscuro e, allo stesso tempo, intrinseco in ogni essere umano del rapporto tra la vita e la morte: è contemporaneamente il mistero più grande e l’esperienza più comune. Ma ognuno si confronta con questa esperienza in modo unico e peculiare.
Lo spettatore accompagna il protagonista nella lunga notte che precede la sua morte: Pablo si confessa e dissimula, ricorda e vive, cambia irrimediabilmente davanti al momento supremo. Sarà proprio questo cambiamento l’evento più eccezionale, smetterà di assomigliare a sé stesso a causa della violenza di una condanna.
Uno spazio ridotto che lo contiene a malapena, la luce che riesce a mostrare solo il necessario, un muro che è presenza incombente e soluzione finale, elementi basici che rispecchiano la base dell’esperienza umana.
La guerra civile spagnola è solo uno sfondo, gli ideali diventano un orpello della vicenda personale che è universale. Un’anima si può annichilire anche senza l’uso delle armi, bastano la superficialità e l’indifferenza; e al momento non c’è nulla di più attuale.

Scheda di Vincenzo Pepe