Giornalisti minacciati. Una testa di capretto sulla macchina della giornalista dell’Urlo, Fabiola Foti

 

Fabiola Foti, giornalista
La giornalista de L’Urlo, Fabiola Foti

La segreteria regionale e quella provinciale di Catania di Assostampa, il sindacato unitario dei giornalisti siciliani, manifestano la propria vicinanza e solidarietà alla collega Fabiola Foti, direttore del giornale on line ‘L’urlo’, che ha subito pesanti intimidazioni dopo gli articoli pubblicati su quanto accaduto alla fine della processione del fercolo di Sant’Agata e sulla presenza costante di pregiudicati nelle vicinanze del fercolo stesso. Il sindacato dei giornalisti ribadisce con forza l’importanza sociale di un giornalismo libero e respinge qualsiasi tentativo di condizionamento. “In questa occasione – dicono il segretario regionale Roberto Ginex e il segretario provinciale Daniele Lo Porto – rivolgiamo un appello al prefetto Claudio Sammartino affinche’ si affronti il tema della liberta’ e serenita’ dei giornalisti nel corso di un prossimo tavolo del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica”.

“Un segnale inquietante e preoccupante”. Così il Presidente della Commissione antimafia regionale Claudio Fava definisce l’intimidazione subita dalla giornalista catanese Fabiola Foti. “Occorre accertare le identità degli autori del gesto intimidatorio. Alla giornalista va tutta la mia vicinanza e solidarietà”.

“La macabra intimidazione di cui è stata vittima la giornalista Fabiola Foti non può restare impunita”, ha dichiarato Leoluca Orlando. “Siamo certi che non sarà certo il messaggio mafioso a farla desistere dal suo lavoro, ma allo stesso tempo lo Stato e le Istituzioni devono dimostrare la propria vicinanza perché la Sicilia non ha certo bisogno di giornalisti e giornalismo silenziosi e accondiscendenti.”

“A nome della Ugl di Catania esprimo la solidarietà alla giornalista e direttrice della testata online “L’urlo”, Fabiola Foti, vittima di una vile intimidazione legata probabilmente al suo intenso lavoro di inchiesta e di ricerca della verità su fatti che riguardano il nostro territorio. Il sindacato è sempre vicino a chi, in questa città continua a mantenere la schiena dritta, producendo informazione libera da qualsiasi condizionamento.” Lo dichiara il segretario generale territoriale della Ugl, Giovanni Musumeci.

Giornalisti minacciati. Una testa di capretto sulla macchina della giornalista dell'Urlo Fabiola Foti

Pubblicato da Rassegna Stampa su Domenica 10 febbraio 2019