Gal promuoveranno cultura Sicilia. Cappadona, Agci: “Dal nuovo Apq sui Beni culturali 200 mln, preziosa occasione di rilancio territori”

“La delibera di governo regionale che ha approvato il nuovo Accordo di Programma Quadro sui Beni culturali assegna ai Gal importanti risorse per lo sviluppo locale”, afferma Michele Cappadona, presidente regionale dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane.

“La valorizzazione del patrimonio culturale siciliano rappresenta un asset d’intervento strategico per l’economia dell’Isola. L’iniziativa apre una nuova stagione di seria programmazione, in grado di incrementare notevolmente i flussi di fruizione turistica e creare nuove e concrete occasioni di sviluppo”.

I ventidue Gal, Gruppi di azione locale, che operano in Sicilia potranno affiancare la Regione nella promozione del patrimonio storico e culturale dell’Isola: dalla fruizione dei musei e dei siti archeologici alla valorizzazione degli antichi borghi, dall’allestimento di spazi espositivi alla realizzazione di eventi dedicati alla memoria di illustri personaggi. Ma potranno occuparsi anche di attività didattico-educative e di iniziative di natura artistico-letteraria, documentaria ed etnoantropologica.

È quanto prevede la delibera con la quale il governo Musumeci ha approvato l’Accordo di programma quadro che riguarda l’assessorato regionale dei Beni culturali e gli organismi che dal 1994 mettono insieme Comuni e privati e che l’Unione europea riconosce titolari di spesa dei fondi strutturali.
“Attraverso i Gal e la loro capillare diffusione sul territorio – spiega il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – contiamo di avere una marcia in più per espandere il nostro ‘sistema cultura’ lì dove ha più bisogno di emergere e di conquistare nuovi spazi per intercettare i flussi turistici. E in quest’ottica, i Gruppi di azione locale potranno rivelarsi preziosi partner operativi per un utilizzo fruttuoso dei fondi europei, in grado di innescare importanti processi di ricaduta ecomica”.

Attraverso specifiche convenzioni con l’amministrazione regionale, siglate sulla base dei progetti da promuovere, i Gal potranno emanare i bandi per affidarne la realizzazione a imprese e associazioni. Le risorse – circa duecento milioni – arriveranno dal Programma di sviluppo locale Leader.

Dario Fidora

Direttore editoriale