“Niuro bastardo vieni qui che ti ammazzo”. Aggressione razzista a mano armata avvenuta a Siracusa

Grave episodio di intolleranza razziale ieri sera alle 20.30 circa nei confronti di Lamin Camara, un ragazzo gambiano, fino a qualche anno fa minore straniero in tutela legale presso Accoglierete.

Appena uscito dall’azienda dove presta attività lavorativa come dipendente, è stato fatto oggetto di insulti razzisti da un uomo dall’apparente età di 35 anni il quale, dopo averlo aggredito verbalmente “niuro bastardo vieni qui che ti ammazzo”, ha estratto un coltello e lo ha inseguito per diverse centinaia di metri.
Lamin pur se in corsa ha chiamato il 113 che prontamente è intervenuto bloccando l’aggressore e sequestrandogli l’arma. L’uomo ha continuato ad inveire contro il ragazzo urlando “Niuro, pezzo di merda, vattene nel tuo paese”

“Riteniamo che le nostre classi politiche”, afferma il movimento Siracusa Ribelle, “in particolare quelle che fomentano campagne di odio contro gli immigrati indicandoli come l’origine dei gravi problemi sociali di questa città, siano responsabili di atti del genere. In particolar modo soggetti che dicono di riconoscersi nella Lega e Casapound, e fanno dell’aggressione a sfondo razziale la loro politica. Preso atto della gravità della situazione, invitiamo le compagne ed i compagni della città ad un serio momento di confronto, Giovedì 7 Febbraio, alle 18:00, in Via Carso 98.