Cancelleri, M5S: “Continuità territoriale Trapani e Comiso, dopo delega ministro Toninelli a Musumeci la Regione non perda altro tempo”

Il Presidente della Regione dovrà convocare al più presto la conferenza di servizi che stabilirà le facilitazioni per i collegamenti aerei tra gli aeroporti di Trapani e Comiso ed alcuni scali nazionali.

Per garantire la continuità territoriale, stanziati 31 milioni di euro destinati dal governo nazionale. A questi dovrebbero aggiungersene altri 15 di provenienza regionale.
“La palla passa ora alla Regione e speriamo che non perda altro tempo”, afferma il deputato all’Ars del M5S Giancarlo Cancelleri, dopo la notizia arrivata in tarda serata di ieri della firma del ministro Toninelli della delega al presidente della Regione Siciliana per indire la conferenza dei servizi finalizzata a istituire la continuità territoriale aerea per i due scali siciliani”.
Cancelleri afferma che la delega al presidente Musumeci premia un continuo lavoro di pressione sul ministero dei Trasporti per fare partire le procedure. “Siamo certi che Musumeci  saprà cogliere l’opportunità per recuperare il tempo perduto, dopo i ritardi e le lungaggini che hanno costellato la vicenda sin dal suo avvio. Sono passati sette mesi, infatti, da quando il sottosegretario Dell’Orco è venuto in Sicilia a comunicare dell’esistenza di 31 milioni di euro destinati dal governo nazionale per l’operazione. A questi dovrebbero aggiungersene altri 15 di provenienza regionale. Da allora, però, si è proceduto col freno a mano tirato, nonostante le reiterate sollecitazioni da Roma. Speriamo si cambi passo, i siciliani sono stanchi di aspettare”.
La Conferenza dei servizi – come ha spiegato ieri il sottosegretario Dell’Orco – servirà per individuare, secondo i limiti europei, il contenuto degli oneri di servizio pubblico da imporre sui collegamenti aerei tra gli aeroporti di Trapani e Comiso ed alcuni scali nazional”.
“La delega di Toninelli – conclude Cancelleri – è l’ennesima prova della vicinanza del governo Conte alla Sicilia, dopo i pronti stanziamenti per il terremoto nel Catanese e l’avvio della procedura per nominare un commissario per la disastrosa viabilità secondaria nell’isola. E questo, solo per fare un paio di esempi. È la conferma, inoltre, che il Movimento 5 Stelle, a tutti i livelli, sta dimostrando di avere a cuore il diritto alla mobilità dei siciliani, facendoli sentire isolani e non isolati, dimostrando grande attenzione per i due aeroporti che con queste somme potrebbero rilanciare il loro ruolo per il territorio”.