Dal Sudamerica “Una notte di 12 anni”, la forza delle idee

Un film coraggioso e perfettamente riuscito, Una notte di 12 anni (fedele al titolo originale “La Noche de 12 Años”) di Álvaro Brechner.

Una vicenda realmente accaduta a nove uomini nel settembre del 1973 in Uruguay, film tanto apprezzato all’ultimo festival di Venezia.
Nel film si narra soltanto di tre di loro, della loro lunga detenzione di 12 anni in isolamento all’interno di diversi luoghi di prigionia dello Stato, in quel momento governato da un regime dittatoriale militare.  È quindi un film di denuncia, ma non solo.
I tre sono Pepe, il futuro presidente dell’Uruguay Jose Mujica, Neto, Eleuterio Huidobro diventato poi ministro della difesa e da poco scomparso e Ruso, il poeta Mauricio Rosencrof. Interpretati rispettivamente dall’attore spagnolo Antonio De La Torre, da Alvaro Tort e Chino Darín (figlio del grande attore argentino Ricardo Darín).
Resistono al buio, alla fame, alla violenza. Merita di essere citata la sequenza scenica con i tre uomini alla luce del sole dopo essere stati costretti a tanto buio, accompagnata dalla calzante scelta musicale di una bellissima versione del brano di Simon e Garfunkel “The sound of silence”, per voce e chitarra, eseguito dalla cantante spagnola Sílvia Pérez Cruz, presente anche in qualche scena del film.
Dalle immagini, dalla sua splendida voce e dal testo stesso della canzone un’emozione crescente che inonda i cuori e infonde coraggio e forza: “Essere nell’oscurità e trovare in essa una rivelazione, imparare ad ascoltare il silenzio”.
È di questa forza che il film ci racconta, la forza del loro sapere resistere, del loro avere fiducia in un domani che sappiamo infine essere arrivato con la democrazia. È un racconto di dolore e sofferenza, dove la cupa prigionia dei tre si intreccia con i fatti tristi antecedenti la loro cattura. Tanta la crudezza delle scene del film, dicevamo, intrise di una violenza che sentiamo vera, vissuta, e d’altronde non potrebbe essere diversamente dal momento che è sulle memorie dei tre veri personaggi che il film si basa. [Segue]

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto