Emergenza rifiuti Palermo, Patrizia Di Dio, coordinamento associazioni di categoria: “Vanificato effetto manifestazioni culturali, danni di immagine su nostre aziende”

“Diciamo basta a questo rimbalzo di responsabilità a cui stiamo assistendo tra la Rap e il Comune di Palermo e pretendiamo soluzioni per i cittadini e le imprese”.

“Ci sono responsabilità precise sull’igiene e sulla salute pubblica, che in questo momento rischiano di essere seriamente compromesse”.
Lo afferma Patrizia Di Dio, portavoce del Coordinamento delle associazioni di categoria e datoriali del territorio (Confcommercio, Sicindustria, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Confimprese, Casartigiani, Cidec, LegaCoop Sicilia occidentale e Confagricoltura) che non appena insediatosi si sofferma anche sulla emergenza più allarmante, quella dei rifiuti, una calamità per Palermo.

“Questo stato di collasso del sistema di raccolta – aggiunge la portavoce del coordinamento delle associazioni di categoria Patrizia Di Dio – rischia di compromettere ed azzerare quell’azione di rilancio sul fronte del turismo portata avanti con manifestazioni culturali per le quali sono state investite risorse comuni e per le quali anche le attività produttive hanno dato il proprio contributo. Da questa inefficienza di un servizio pubblico – prosegue la nota del coordinamento – ne stiamo ricavando un danno di immagine che provoca un effetto negativo e dirompente sui nostri investimenti e sulle nostre aziende e sull’immagine complessiva della città. Basta con gli alibi a partire dalla Rap, dai dirigenti ai lavoratori, fino alla amministrazione comunale”.

E a dimostrazione che nessuno, incluso i cittadini incivili o le attività commerciali fuori dalle regole, debbano avere più alibi, il Coordinamento ha deciso di mettere a disposizione delle autorità le immagini dei sistemi di videosorveglianza delle attività imprenditoriali degli stessi associati affinché vengano perseguiti i comportamenti incivili, fuori dalle regole e meritevoli di sanzioni. “Siamo disponibili a collaborare con le istituzioni – spiegano dal coordinamento – e a segnalare tutti quei comportamenti che contribuiscono a dare una immagine negativa alla città. Vale pero per tutti. D’ora in avanti nessuno deve e può avere più alibi, pretendiamo le doverose soluzioni, non intendiamo più tollerare inefficienze, inettitudini, inerzia, rimbalzo di responsabilità”, conclude la nota del coordinamento di tutte le associazioni di categoria.


Widget not in any sidebars