Vino siciliano, cooperative prime aziende per produzione dall’analisi dei bilanci 2017 delle maggiori cantine

Cantine cooperative in testa alla classifica delle aziende del settore vitivinicolo siciliano.

Professore Sebastiano Torcivia
Sebastiano Torcivia

Il dato emerge dall’analisi delle maggiori cantine dell’Isola, che come ogni anno viene realizzata dal professore Sebastiano Torcivia, coordinatore del corso di master Masv, Manager delle aziende del settore vitivinicolo dell’Università degli Studi di Palermo.
Lo studio prende in esame solo le aziende che raggiungono il milione di pezzi tra confezionati e imbottigliati, quale sia il packaging e formato utilizzato, con valori riferiti all’unità di misura di 0,75 litri. Sono quattro le cantine siciliane con un fatturato 2017 superiore ai 30 milioni di euro: Ermes soc. coop. (63.169.603 euro); Settesoli Cantine soc. coop. (48.894.261 euro); Duca di Salaparuta spa (35.836.093 euro) ; Colomba Bianca Soc. Coop. (31.875.772 euro).

Giovanni Basciano, vicepresidente nazionale Agci-Agrital
Giovanni Basciano

Giovanni Basciano, responsabile Agci-Agrital, che comprende tutte le aziende del settore agricolo dell’Associazione generale delle cooperative italiane: “Fra le prime quattro aziende vinarie per valore di fatturato tre sono cooperative, e di queste due sono aderenti Agci Agrital, la prima (Ermes) e la quarta (Colomba Bianca); la Ermes con ben 63.169.603 euro di fatturato ed un incremento sull’anno precedente del 17,65%. Soddisfazione dell’Associazione per i ragguardevoli risultati delle  cantine sociali proprie associate e complessivamente per la conferma dell’importanza del ruolo che la cooperazione svolge nello sviluppo del settore vitivinicolo siciliano”.

Dario Fidora

Direttore editoriale