Presentato alla Fiera della Biodiversità a Palermo il marchio “Carni di Sicilia”

Alla sala Lanza dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, nell’ambito della IV edizione della Fiera delle biodiversità, il Consorzio “Carni di Sicilia” presenta il proprio marchio che certifica la qualità dela carne bovina siciliana.
La Sicilia è uno dei più grandi produttori di vitelli da ristallo in Europa, eppure più dell’80% della carne bovina consumata dai Siciliani (circa 23 kg all’anno a testa) viene importata dall’estero.
Basterebbe incrementare di un solo chilogrammo all’anno il consumo medio di carne bovina siciliana per immettere nei pascoli siciliani 10 mila capi di bestiame in più. Il che significherebbe lavoro per più di 300 nuove piccole aziende zootecniche.
Il Consorzio Carni di Sicilia nasce per porre rimedio a questo corto circuito che interrompe in maniera traumatica e fortemente dannosa per l’economia regionale, la domanda e l’offerta interna di carni bovine.

Il presidente del Consorzio Marco Mocciaro: “dobbiamo rendere riconoscibile il nostro Marchio a cominciare dalla Sicilia, per consentire ai siciliani un consumo critico, consapevole e di qualità”

“Non è facile fare rete in Sicilia – continua Mocciaro – noi per fortuna ci siamo riusciti, puntando tutto sulla qualità e su un rigido disciplinare di produzione. E’ stato un percorso lungo, durato più di 10 anni, ma adesso possiamo dire di essere pronti avendo messo dentro al consorzio tutti gli attori della filiera: allevatori, mangimifici, macellatori e punti vendita. Abbiamo 200 allevatori consorziati, con un valore di produzione pari a 8.000 capi di bestiame e siamo già sul mercato siciliano grazie ai 30 punti vendita esclusivisti presenti in tutta la Sicilia. Ma è chiaro che per chiudere il cerchio è arrivato il momento di farci conoscere, di rendere identificabile il prodotto al fine di consentire ai siciliani un consumo critico, consapevole e di qualità. Per questo oggi siamo qui per presentare il nostro marchio”.

“Il marchio Carni di Sicilia è sinonimo di qualità, trasparenza e sicurezza” afferma Giuliano Marchesin, direttore del Consorzio Sigillo Italiano, cui aderisce il Consorzio Carni di Sicilia.

“Con questo marchio garantiamo un valore aggiunto agli allevatori ed a tutta la filiera produttiva, controllata e regolamentata dal disciplinare di etichettatura IT107ET approvato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo. Il Consorzio vigila sulla corretta applicazione del disciplinare di produzione. Questa attività viene a sua volta controllata e certificata dal Consorzio di Ricerca Filiera Carni, quale autorità pubblica di controllo del Ministero. Insomma una doppia garanzia per i consumatori, sempre più sensibili non solo alla qualità del prodotto ma anche al benessere animale che è un elemento fondamentale e qualificante del marchio”.

“Veniamo da un lungo periodo durante il quale si è tentato di demonizzare le carni rosse. Occorre ribadire che il consumo di proteine animali, la vitamina B12, rappresentano un valore indiscutibile per la nostra nutrizione, in particolare per quella dei bambini. Oggi per fortuna cominciamo ad assistere ad una piccola inversione di tendenza – continua Marchesin –  il mercato delle carni è in ripresa mentre, grazie anche al decisivo contributo di medici nutrizionisti, medici di base e dietisti, si sta tornando alle diete onnivore, come la dieta del mediterraneo, mentre le diete vegane sono scese negli ultimi due anni dal 3% allo 0,9%”.

“C’è ancora tanto da fare – afferma Vincenzo Chiofalo, presidente del Consorzio Ricerca Filiera Carni – ma finalmente in Sicilia si sta lavorando bene. Basti pensare che mentre altrove si investe soprattutto sull’ingrasso la Sicilia sta puntando sull’allevamento e la ripopolazione. In questo momento siamo già la regione con il più alto numero di manze e manzette in Italia, in particolare Charolaise e Limousine. Parliamo di oltre 10 mila capi, questo significa che stiamo preparando il futuro. Se all’aumento della produzione riusciamo a legare anche un marchio che sia sinonimo riconosciuto di qualità allora la partita per il rilancio della zootecnia in Sicilia sarà vinta”.

Marchio Carni di Sicilia, Fiera della Biodiversità, Orto Botanico di Palermo

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto