Catania abbraccia Palermo. Ma questo in Italia non fa notizia…

Siamo abituati male, siamo abituati al male. Quindi, il bene, il bello non fanno notizia. Specialmente se arriva dal sud.

E non fa notizia la Sicilia, se declinata al bene. Perciò, la nostra isola se va in prima pagina con le legioni di forestali e regionali “inutili”, con gli abusi e gli abusivi, e con gli sprechi e i politici antimafia ammanicati con ambienti strani garantisce ascolti alle varie arene televisive, con le azioni positive non fa notizia. Almeno su tv e quotidiani nazionali.

I tifosi del Catania onorano le vittime della tragedia di Casteldaccia con tre striscioni di straordinaria solidarietà, ma sui giornali nazionali non c’è una riga, non c’è una fotonotizia: nulla di nulla. C’è poco da fare. È l’ennesima vittoria dei luoghi comuni, per cui la Sicilia è la somma dei vizi, dei difetti, della perversione anche morale o politica, della illegalità, della mafia, di panorami scempiati e decadenti e della parlata strascicata e delle vocali aperte, di “minchia” e così via. E nel resto del paese i siciliani sono riconosciuti per tutto questo, troppo spesso. E in molti casi è pure vero che siamo così, ma non siamo soltanto questo. È fin troppo banale e scontato ripeterlo. Ma, quando i siciliani danno lezione di civiltà, di rispetto e solidarietà non se ne parla, non se ne deve parlare. Non sia mai che si disorientino i lettori, i telespettatori con un ritratto che non si riconosce, che non vende. In un paese dove, nella civile e moderna Torino si espongono striscioni per sfottere le vittime di Superga o quelli dell’Heysel o nella glamourous Milano si lanciano motorini dagli spalti, nella Roma Capitale si impiccano manichini con le maglie della squadra rivale o si affiggono manifesti che insultano Anna Frank, un insegnamento di vera civiltà anche nel tifo che arriva dalla Sicilia non può trovare spazio. Si capisce, no?

 

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto