Emergenza rifiuti Palermo, via libera ad ampliamento VI vasca Bellolampo. Orlando “Accelerare su tutti gli altri fronti di impegno”

Musumeci: “Autorizzato in pochi mesi un procedimento per il quale in passato ci volevano anni”. Orlando: “Per Palermo e Bellolampo occorre accelerare su tutti i fronti: la realizzazione della VII vasca, l’aumento della differenziata, l’individuazione di risorse per la gestione delle vasche esaurite”

Via libera dalla Regione Siciliana all’ampliamento definitivo della sesta vasca nella discarica di Bellolampo a Palermo. Lo ha deciso la Conferenza dei servizi, convocata stamane all’assessorato al Territorio, che ha messo attorno a un tavolo tutti gli enti competenti nel rilascio dei pareri propedeutici alla Valutazione di impatto ambientale: Genio civile, Soprintendenze, dipartimenti regionali, Asp e Arpa.
«Abbiamo mantenuto – evidenzia il governatore Nello Musumeci  gli impegni presi in precedenza. In pochi mesi siamo riusciti ad autorizzare un provvedimento per il quale, in passato, ci volevano anche anni. Un ringraziamento, in tal senso, va agli uffici del dipartimento regionale dell’Ambiente per la celerità dimostrata».
«Con il provvedimento di autorizzazione, che sarà notificato subito al Comune di Palermo – aggiunge l’assessore Toto Cordaro – potranno iniziare immediatamente i lavori di allargamento della discarica e si consentirà a Palermo di venire fuori dall’emergenza rifiuti».

“Lo sblocco formale dei lavori di ampliamento della VI vasca è un fatto importante”, dichiara il sindaco Leoluca Orlando, “. Occorre ora recuperare il tempo perduto e siamo certi che RAP lo farà nel migliore dei modi, continuando, come fatto in questi ultimi anni, ad adottare ogni accorgimento tecnico utile per il rispetto dei parametri ambientali.
Occorre ora accelerare su tutti gli altri fronti aperti che riguardano i rifiuti a Palermo e Bellolampo: la realizzazione della VII vasca, l’aumento della differenziata, l’individuazione certa di responsabilità e risorse per la gestione delle vasche esaurite.
Nell’auspicio che questo avvenga con assunzioni di responsabilità solidale e nella logica unica del bene comune che è la vivibilità di Palermo e la salute dei suoi cittadini.”