Emergenza idrica / Riprende la potabilizzazione dell’acqua dal Poma. Almeno 24 ore perché raggiunga Palermo

Riprenderà fra pochi minuti attività di potabilizzazione da lago Poma (Partinico), la cui torbidità è scesa sotto l’indice dei 500 NTU.

L’acqua potabile arriverà a Palermo in non meno di 24 ore per servire la zona nord della città.

Acqua torbida da potabilizzareI tecnici dell’AMAP presenti sul posto, hanno comunicato che i prelievi di acqua effettuati poco fa alla diga Poma mostrano una consistente riduzione della torbidità, scesa sotto i 500 NTU (la “Nephelometric Turbidity Unit”, unità di misura della torbidità, aveva raggiunto i 150.000 nei giorni scorsi).
A breve riprenderà quindi il trattamento di potabilizzazione dell’acqua di quell’invaso che sarà poi immesa nell’acquedotto che serve i comuni della fascia costiera e la zona nord della città di Palermo. È previsto che l’acqua potabilizzata arrivi in città non prima di 24 ore, dopo aver riempito le condotte e i serbatoi collocati lungo il percorso.

Resta al momento impossibile il prelievo dell’acqua dall’invaso della diga Rosamarina, nel cui bacino i fiumi hanno trasportato fino ad oggi ingenti quantitativi di fango, detriti e materiali inerti.