Musumeci, accuse contro Conte: “Non mi ha consentito di incontrare i familiari delle vittime di Casteldaccia”

Nello Musumeci si scaglia contro il premier Giuseppe Conte.

In una nota il presidente della Regione sottolinea che lo staff del Presidente del Consiglio gli avrebbe negato l’accesso al Policlinico di Palermo dove Conte si stava recando per rendere omaggio alle vittime della tragedia di Casteldaccia.

“Ho appreso dalla viva voce del prefetto di Palermo e dai funzionari della Digos che il cerimoniale del presidente Conte non mi avrebbe consentito di entrare al Policlinico. Sia chiaro che questa inaudita vicenda, che non ha precedenti nella storia della Regione Siciliana, allarma e suscita indignazione. Non cerco rispetto per la mia persona ma lo pretendo per l’Istituzione che rappresento e per il popolo siciliano. E questo vale per tutte le istituzioni anche per il Presidente del Consiglio”.

Questo è il secondo sgarbo, triste quanto inverosimile, che il governatore siciliano riceve dalla Presidenza del Consiglio. Già il 14 settembre scorso, in occasione della visita di Conte a Brancaccio per l’inaugurazione dell’anno scolastico, Musumeci fu invitato esclusivamente dal dirigente della scuola dedicata a Don Pino Puglisi. E in quel caso fece ricorso a tutta la sua diplomazia e non si presentò alla cerimonia. Esattamente come Leoluca Orlando che, invece, scelse deliberatamente di non incontrare Conte.

Oggi, alla luce della tragedia che si è consumata a Casteldaccia, l’atteggiamento di Conte appare del tutto incomprensibile e che solo il rispetto per il dolore delle famiglie coinvolte in questa triste vicenda non consente di definire con parole ben più gravi.


Il punto stampa del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo la riunione in Prefettura a Palermo per l’emergenza maltempo

Un aggiornamento in diretta da Palermo a seguito della riunione in Prefettura

Pubblicato da Giuseppe Conte su Domenica 4 novembre 2018

 

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto