Palermo, ecco i segreti del primato

Nel giorno della pioggia e dei tuoni, un lampo di Puscas consegna al Palermo un primato che se, come è vero, conta poco a questo punto del campionato, ha un valore elevatissimo per una serie di motivi che si incrociano tra loro.

Il primo è che è arrivata, dopo la vittoria di Carpi, la conferma che questa squadra ha riscoperto la voglia di lottare. Al Barbera si continua a stentare, la manovra contro squadre tendenzialmente chiuse non è mai fluida, però alla fine si riesce a trarre il massimo che si può ottenere. È accaduto contro il Venezia e la storia si è ripetuta contro il Cosenza.

Era, inoltre, importante consegnare per la prima volta a Stellone lo scettro del comando. Mai il Palermo fu in testa alla classifica lo scorso anno dopo il cambio del tecnico, il regalo gli arriva proprio nella giornata in cui le condizioni climatiche – e sembra un paradosso doverlo sottolineare – hanno reso ancora più ostica la missione.

Dieci e lode al carattere: non era facile, con la fatica di 90 minuti sulle gambe e i nervi a fior di pelle, credere nella vittoria sino alla fine. E tutto ciò senza considerare gli impegni ravvicinati che, al di là delle chance offerte dal turn over, finiscono sempre per incidere, quanto meno nella testa dei giocatori.

E poi è bene mettere un po’ di pressione anche a quelle squadre come Benevento e Verona che, partite con i favori della vigilia, devono comprendere che il passaggio diretto in serie A non sarà per nulla scontato e che nel profondo sud risiede quello che al momento è il loro peggiore incubo. Sistemate le magagne tattiche residue della precedente gestione, Stellone oggi può contare su due fondamentali certezze: una condizione fisica che sembra di ottimo livello e una carica mentale che ha vistosamente difettato nelle ultime stagioni. E che proprio in questa infinita serie B potrà rivelarsi un’arma non da poco.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto