“Frattura senza cure per 7 giorni, nell’isola dimenticata da tutti”. Di Caro (M5S): “A Linosa vita da terzo mondo, Musumeci intervenga”

Il deputato Ars Giovanni Di Caro ha trascorso due giorni nell’isola di Linosa, in provincia di Agrigento, per toccare con mano i disagi dei suoi abitanti. Poi ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione.

Attese per la nave per Lampedusa anche di 20 giorni. Situazione critica per donne in gravidanza e coloro che hanno malori improvvisi, fratture, o hanno bisogno di cure odontoiatriche. Non esistono apparecchiature per fare radiografie o altri esami strumentali.

“Anche 7 giorni con una frattura da trattare in un’isola che è dimenticata da tutti. A Linosa, per certi aspetti, si sta come nel terzo mondo e forse peggio. Chiedete ad una donna in gravidanza come vive gli ultimi periodi di dolce attesa o l’angoscia che pervade chi è colto da qualche malore improvviso e può contare solo su un medico generico e a volte nemmeno su quello”.

La denuncia è del deputato regionale del M5S Giovanni Di Caro, che ha trascorso un paio di giorni nell’isoletta dell’Agrigentino per toccare con mano i disagi che costantemente vive chi si sente abbandonato dalle istituzioni e può affidarsi solo alla buona sorte per non rischiare la vita.

“Nell’isola – dice il deputato – non esiste un ospedale e nemmeno un centro di primo soccorso, c’è solo un medico generico che si limita alle visite e alle prescrizioni di farmaci. Gli isolani mi hanno raccontato di persone che hanno dovuto aspettare anche sette giorni prima di vedersi trattare una frattura all’ospedale di Agrigento, in attesa della nave che gli permettesse di lasciare l’isola. Mi è stato raccontato di attese per la nave per Lampedusa anche di 20 giorni, e in casi come questi tutti i programmi vanno a farsi benedire, come quelli di quella studentessa che ha perso la sessione di laurea a causa del mare grosso”.

Ma i disagi più grossi sono per le visite specialistiche e per le cure odontoiatriche, che costringono a lasciare l’isola con direzione Agrigento.

È assurdo – dice Di Caro – che non si riesca a fare una turnazione anche mensile dei vari medici specialistici. A Linosa, tra l’altro, non esistono apparecchiature per fare radiografie o altri esami strumentali. La Regione non può continuare a girarsi dall’altro lato come se Linosa non fosse territorio siciliano”.

Per costringere Musumeci a prendere in carico le istanze principali degli isolani, Di Caro ha depositato una interrogazione al governo, con richiesta di risposta urgente e prossimamente chiederà la convocazione in audizione di tutte le parti in causa che possano intervenire per mitigare i disagi della popolazione di Linosa “e garantire il diritto alla salute che attualmente è erogato a singhiozzo”.

Di Caro alla Regione chiede maggiori certezze nei collegamenti e il rispetto delle coincidenze con l’aereo e la nave da Lampedusa. Nel frattempo chiede che ai linosani si assicurino condizioni di viaggio decenti.

“Si ripristini – dice – il trasporto separato di passeggeri e rifiuti, che attualmente viaggiano assieme, costringendo gli isolani a respirare miasmi nauseabondi che di certo non fanno bene alla salute”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale