Cantieri infrastrutture, Filca Cisl: “Garantire le opere in Sicilia e tutti i lavoratori, diretti e dell’indotto, dell’impresa di costruzioni Cmc”

Filca Cisl Sicilia chiede garanzie ed eguali diritti per tutti i lavoratori, sia della Cmc sia delle ditte subappaltatrici e fornitrici, e certezze sul completamento delle opere.

“Vanno garantiti tutti i lavoratori impegnati nei cantieri della Cmc, sia quelli diretti sia quelli dell’indotto. L’auspicio è che si completino le opere e che la cooperativa di Ravenna superi i problemi finanziari”.
Questa è la posizione che la Filca Cisl Sicilia esporrà alla riunione fra Regione siciliana, Anas, Cmc e sigle sindacali, prevista nei prossimi giorni. “Ci auguriamo che la società, a oggi quella con il portafoglio lavori più consistente nell’isola – afferma Paolo D’Anca, segretario generale della Filca Cisl Sicilia – riesca a superare i problemi di liquidità finanziaria. È fondamentale che vengano rispettati gli impegni assunta dalla cooperativa con le ditte subappaltatrici e con quelle fornitrici. Da tempo infatti registriamo una disparità di trattamento fra i lavoratori della Cmc e quelli delle ditte subappaltatrici. Spesso purtroppo questa tipologia di appalti finisce per diventare un gioco al massacro verso il più debole, nella logica di rientrare dalle spese. Questo per noi è inaccettabile, non ci sono lavoratori di serie A e di serie B”.
Numerosi sono i cantieri siciliani in cui è oggi impegnata la Cmc. A Catania l’azienda si è aggiudicata gli appalti per i lavori della tratta Monte Po-Misterbianco della metropolitana, per quelli della tratta Nesima-Monte Po e per la realizzazione del tunnel Palestro-Stesicoro.
Della Coop di Ravenna è il cantiere per la Palermo-Agrigento, tornato in piena attività da poco in seguito a una perizia di variante.
La Cmc è l’aggiudicatrice dei lavori della Agrigento-Caltanissetta, oggi all’80%, nonostante si registri un rallentamento nella realizzazione dell’opera. “Vanno completate tutte queste infrastrutture fondamentali per la Sicilia e dunque la Cmc va messa nelle condizioni di poterlo fare – prosegue D’Anca – ma lo stesso impegno va profuso a tutela di tutti i lavoratori dell’indotto”. Per la Filca Cisl, “occorre mettere a sistema un meccanismo che renda agevole l’iter autorizzativo e anche quello di erogazione delle risorse per velocizzare la realizzazione e il completamento delle infrastrutture nell’isola”. “Snellire le procedure burocratiche, a partire da quelle relative alla progettazione per arrivare a quelle dei pagamenti – afferma D’Anca – è un passaggio essenziale per poter finalmente far partire i cantieri e garantire la prosecuzione di quelli già in fase di avvio”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto