Ecco il Giro d’Italia che calpesta il sud

Ecco il Giro d’Italia che dimentica mezza Italia. Si fa bello nelle montagne del nord, pascola nelle pianure del centro Italia, e, mai dire mai, si concede un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo, patria di padre Pio, che affidarsi al santo più popolare del Paese male non è con i tempi che corrono.

Se non fosse che la preparazione del percorso viaggia con tanto anticipo rispetto alle vicende dell’italica nazione, si potrebbe sospettare di un riguardoso inchino alla sponda leghista dell’attuale governo nel derby con l’ala grillina ben più radicata al sud.

E invece si tratta di una scelta che, come spesso è accaduto in passato, privilegia le strade del nord perché ben più gradite a corridori, staff e sponsor. Delle 21 tappe del percorso soltanto la sesta tocca il sud, per l’appunto quella che da Cassino porterà i ciclisti a San Giovanni Rotondo, per il resto il gruppo stazionerà per tre – quattro giorni nel centro Italia (Orbetello, Frascati, Terracina, Cassino, Vasto e L’Aquila) e concederà le sue curve al popolo padano per la maggior parte delle sue 3 settimane.

Niente Campania, Basilicata, Molise e Calabria e meno che mai Sicilia: questi sono luoghi eletti solo per fare la gamba, come si dice in gergo, per quella preparazione fisica che precede la stagione ufficiale e prevede l’ausilio di un clima più favorevole. Il Giro, che pure ha interessi editoriali forti anche al sud avendo la Gazzetta dello Sport quale titolare del marchio, cancella nell’edizione del 2019 le strade del Regno delle Due Sicilie e ignora la logica della condivisione territoriale di un evento che dovrebbe davvero appartenere a tutta la Nazione. Manca anche la Sardegna che paga la sua insularità estrema, che il Giro l’ha sempre visto con il contagocce e che prima di Fabio Aru non ha mai avuto un uomo da prime posizioni. Quest’anno il sardo ci sarà e con il messinese Vincenzo Nibali proverà a riportare la maglia rosa in Italia. Un bel paradosso, un siciliano e un sardo contro il resto del mondo in una corsa che ha fatto fuori la Sicilia e Sardegna.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto