Legalità: borsa di studio di 5000 euro della Quarto Savona Quindici, tra breve la scadenza

Il prossimo 8 novembre scadrà il termine per la presentazione delle domande del bando per le borse di studio della Quarto Savona Quindici.
L’associazione, che porta il nome in codice dell’auto blindata nella quale persero la vita, il 23 maggio del 1992, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, agenti di scorta di Giovanni Falcone, ha infatti indetto un bando per l’assegnazione di una borsa di studio intitolata alla memoria di Antonio Manganelli.
La borsa di studio, del valore complessivo di € 5.000,00, è destinata a giovani laureati in discipline giuridiche e/o economiche presso le università italiane. Requisiti essenziali sono il voto di laurea che non può essere inferiore a 100/110 e l’età massima di 33 anni alla data di scadenza del bando. Possono presentare domanda i soggetti in possesso di questi requisiti che non siano già destinatari di altre borse di studio, benefici economici, trattamenti retributivi ed emolumenti di qualsiasi genere, in corso dalla data di pubblicazione del bando fino all’erogazione finale della borsa. Le domande da parte degli interessati dovranno essere presentate improrogabilmente entro le ore 12:00 del giorno 08 novembre 2018, unitamente alla scheda illustrativa del progetto di ricerca e alla documentazione richiesta. La Commissione esaminatrice valuterà i progetti dei candidati ed il loro percorso curriculare tramite criteri che assicurino il rispetto della trasparenza, correttezza, democraticità e meritocrazia. Il tema prescelto per l’anno accademico 2018/2019 riguarda le correlazioni esistenti tra mafia ed economia, con particolare attenzione al dato normativo e/o all’analisi economica delle aziende colpite dalla normativa antimafia. Il testo integrale del bando è consultabile sul sito dell’associazione: www.quartosavonaquindici.it

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto