Cisl Sicilia al vicepremier Di Maio: “Un terremoto come nel 1693, a Catania farebbe più di 150mila morti e oltre 130mila senza tetto. Si riconosca il Rischio sismico 1”

Trema il Monte Etna, bene paesaggistico e ambientale di una bellezza straordinaria, dal 2013 nell’elenco dei beni UNESCO costituenti il Patrimonio dell’umanità. L’Etna è anche il più alto vulcano attivo terrestre della polacca euroasiatica. Fino a qualche giorno fa è stata registrata una scossa di magnitudo 3.1, alla sua sommità.

La Cisl Sicilia e la Filca Cisl Sicilia hanno scritto una lettera aperta al viceministro Luigi Di Maio, da oggi nell’isola, chiedendo che intervenga per la riclassificazione del territorio catanese da zona a rischio sismico 2 a zona a rischio sismico 1.

“Secondo uno studio del servizio sismico nazionale, elaborato nel 2013 – affermano Mimmo Milazzo e Paolo D’Anca, segretario generale Cisl Sicilia e segretario generale Filca Cisl Sicilia – se a Catania si verificasse un terremoto di potenza uguale a quello del 1693, nella città ci sarebbero oltre 150 mila vittime e più di 130 mila senza tetto. Un evento di queste dimensioni non è da escludere: un report dell’Ordine regionale dei Geologi del 2013, conferma che in Sicilia la probabilità di un sisma di magnitudo 7, nei prossimi 150 anni, è del 99%”.
Il territorio etneo, come sottolineano Milazzo e D’Anca, è impreparato rispetto al rischio sismico. “Catania, costruita ai piedi del più grande vulcano attivo d’Europa e sulla faglia siculo-maltese, è la città a più alto rischio sismico d’Europa – aggiungono il segretario generale della Cisl Sicilia e il segretario generale degli edili della Cisl nell’isola – ma gli edifici pubblici e privati non sono al riparo dalle conseguenze dei terremoti. La maggior parte del territorio è stata costruita negli anni del boom economico, con scarsa attenzione ai materiali, e la parte storica costruita fra il Settecento e l’Ottocento presenta ovvie criticità”. Per Mimmo Milazzo e Paolo D’Anca, è incomprensibile che la fascia etnea sia classificata come zona a rischio sismico 2 e non in zona a rischio sismico 1″. “La classificazione attuale impedisce di accedere a una serie di agevolazioni – proseguono Milazzo e D’Anca – attraverso le quali, invece, potrebbe essere avviata una seria riqualificazione strutturale del territorio”. Il segretario della Cisl Sicilia e il segretario della Filca Cisl Sicilia, chiedono al vicepremier Di Maio, di intervenire in prima persona per quello che entrambi definiscono, “un atto di civiltà”. “Non si può negare ai catanesi il diritto di vivere in un luogo sicuro – chiosano Milazzo e D’Anca – la riclassificazione sismica di quest’area è un gesto doveroso nei confronti di migliaia di persone”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto