Gargano, Uilca Sicilia: “Su Riscossione Sicilia vogliamo fatti”

Il governatore Musumeci assicura che anche in assenza di accordo tra Stato e Regione la società non andrà in liquidazione. Giuseppe Gargano: “Altissima l’attenzione a tutela dei circa 700 lavoratori interessati. Alle parole dovranno seguire i fatti”.

Rassicuranti affermazioni del governatore della Regione Sicilia nella seduta pubblica tenutasi oggi, in cui Musumeci si è espresso positivamente sulla salvaguardia dei posti di lavoro del personale altamente qualificato.
Il presidente ha sottolineato che, anche in assenza di accordo tra Stato e Regione, la società non andrà in liquidazione data l’importanza del servizio di Riscossione.

Giuseppe Gargano, segretario generale Uilca Sicilia ed Enrico Pellegrino, leader storico della Uilca in Riscossione Sicilia, dichiarano: “Prendiamo atto della posizione del Governatore, e continueremo a tenere altissima l’attenzione sulle prossime dinamiche che interesseranno Riscossione Sicilia, a tutela dei circa 700 lavoratori interessati ed a garanzia di un servizio importantissimo come l’esazione. Alle parole dovranno seguire i fatti, e la Regione dovrà tempestivamente mettere in atto quanto è stato affermato dal presidente, a partire dalla definizione del C.d.A. e dalla firma del Ccnl di categoria”.