Bando 400 tirocinanti Regione Sicilia, “Stop a nuovi precari”. Cgil e Funzione Pubblica chiedono stabilizzazione di precari esistenti

No alle fabbriche di illusioni. Cgil e Fp chiedono a Regione Sicilia la revoca del bando per 400 tirocinanti: “Stop a nuovo precariato. Si stabilizzino i precari esistenti e si proceda con i concorsi pubblici”

La Cgil Sicilia e la Fp Cgil siciliane chiedono “l’immediata revoca del bando per l’assunzione per 18 mesi di 400 tirocinanti retribuiti presso gli uffici della Regione Sicilia. “E’ impensabile – scrivono in una nota Mimma Argurio (Cgil) e Clara Crocè (Fp)- che si crei un altro bacino di precariato all’interno della Regione Sicilia ancorché mascherato come tirocinio formativo, quando già esistono centinaia di precari e mentre tutte le altre regioni d’Italia hanno aperto ai concorsi nella pubblica amministrazione”. Cgil e Fp nchiedono di “dare corso all’immediata stabilizzazione dei quasi 600 precari della Regione Sicilia, di procedere alla ricollocazione del personale in A e B e alla valorizzazione delle figure professionali che da oltre 10 anni la chiedono. Di aprire inoltre ai concorsi esterni in base ai profili professionali assenti nell’organico della Regione secondo il piano del fabbisogno triennale, come previsto dal decreto Madia”.