Vendita diretta dei prodotti agricoli, dal produttore al consumatore, ora è legge in Sicilia

Nella seduta del 3 ottobre è stato approvato all’Ars il disegno di legge sulla vendita dei prodotti agricoli che “consentirà agli imprenditori agricoli di effettuare contestualmente alla vendita diretta dei prodotti, la loro somministrazione, nonché la possibilità di vendere i medesimi anche manipolati o trasformati, già pronti per il consumo, mediante l’utilizzo di strutture mobili in possesso dell’impresa agricola“.

Orazio Ragusa
on. Orazio Ragusa, Ars

Queste le parole del presidente della commissione Attività Produttive, on. Orazio Ragusa, che ha seguito le varie fasi di gestazione della norma e che oggi non nasconde la soddisfazione sua e dell’intero gruppo di Forza Italia, per l’approvazione di un disegno di legge, che in un contesto di crisi occupazionale, apre uno spiraglio in termini di opportunità imprenditoriale, coniugando due contrapposti interessi: quello del produttore, che avrà la possibilità di incrementare la propria attività e quello del consumatore che potrà accedere direttamente alle fonti di produzione realizzando un risparmio. Sarà di competenza dei comuni istituire e autorizzare il luogo adibito alla vendita, predisponendo al contempo un disciplinare di mercato che certifichi la provenienza dei prodotti e regoli le modalità di vendita. Tra gli obiettivi della norma rientra l’incentivazione all’acquisto di prodotti direttamente legati al territorio di produzione, per i quali i Comuni dovranno mettere in campo le misure idonee che puntano alla riduzione della filiera. Una politica, come ha sottolineato l’on. Orazio Ragusa, che “parte dal basso e che punta alla solidarietà”.