Le dimissioni di Ferrandelli: da Coraggioso a Bellissimo?

Fabrizio Ferrandelli ha annunciato le sue dimissioni dal Consiglio Comunale di Palermo.

Assieme a lui c’è Cesare Mattaliano, sodale degli ultimi anni di battaglie. E attenzione perché la notizia nasconde un aspetto che rende la notizia ancora più rilevante.
I due “Coraggiosi” da tempo sono in prima linea nel denunciare le inadempienze della giunta Orlando e lo stato di abbandono di Palermo, che un giorno galleggia tra i rifiuti e l’altro “naviga” nelle strade allagate, conseguenza di piogge di qualsivoglia intensità.
Insomma Ferrandelli e Mattaliano fanno opposizione, la fanno con gli strumenti tipici di chi fa le pulci a chi governa, sottolineando i difetti e sfruttando una certa incapacità delle truppe del sindaco a gestire i problemi più evidenti della città.
Di per sé l’annuncio di stamattina potrebbe non considerarsi una notizia di serie A. Se non fosse che l’appello alle dimissioni di massa dei consiglieri comunali era stato lanciato una manciata di giorni fa dai luogotenenti palermitani di Diventerà Bellissima che, è opportuno ricordarlo, a Palermo hanno un seguito niente male, basti riprendere i dati delle scorse regionali e vedere, ad esempio, il peso specifico di Alessandro Aricò.
Non è un mistero che Ferrandelli abbia definitivamente archiviato il suo rapporto con il Pd e sia reduce da “un’escursione” nel campo opposto proprio in occasione delle scorse Comunali. Oggi il suo dialogo con Musumeci non può considerarsi contro natura. E lo testimonia il plauso che gli arriva proprio dalla sponda palermitana di Diventerà Bellissima: “Accogliamo con soddisfazione – sottolineano Domenico Bonanno ed Eduardo De Filippis – l’impegno dei primi due consiglieri comunali che hanno annunciato le dimissioni. Occorre lanciare un segnale chiaro e forte e per questo da giorni abbiamo chiesto a tutti i consiglieri di dimettersi per porre fine ad un’agonia che rischia di trascinare Palermo verso il baratro. Da mesi sosteniamo che sia necessario un cambio di rotta per salvare la città dalla cattiva amministrazione e dalle scelte politiche del sindaco”. Insomma, ce n’è a sufficienza per non credere al caso. Da coraggioso a bellissimo, siamo alle prove tecniche.

Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto