Zampa, lo mandiamo a casa Tedino?

Bisogna che Tedino sia sordo, perché per tutta la settimana sentirà i metaforici fischi dei tifosi del Palermo. Alla prima prova di una certa insidia, contro una squadra che sulla carta potrebbe schierarsi sulla stessa fila dei rosa, arriva una sconfitta che riapre la questione più imbarazzante per l’allenatore. La mozione di sfiducia che sembrava ritirata dopo avere schiantato il Perugia, è tornata d’attualità, perché in fondo il popolo rosanero di questa guida non si fida. E forse, ricordando cosa accadde lo scorso anno, tanto torto non ha.

Non è la sconfitta in sé il dato preoccupante, ma come essa è arrivata. Oggi gli allenatori incidono essenzialmente nella capacità di motivare un gruppo e di leggere lo svolgimento di una partita. A giudicare dalla prestazione di Brescia la sentenza dovrebbe essere già scritta e per Tedino non ci sarebbe neanche la condizionale. Sappiamo però qual è l’aria che tira e il destino del tecnico è più nelle mani di Foschi che in quelle di Zamparini più propenso ad evitare un aggravio di spesa. È vero, c’è sempre Stellone a libro paga, ma il sor Maurizio spera sempre che qualche amatore gli faccia la cortesia di ingaggiarlo in corsa tanto da risparmiare un anno di oneroso ingaggio.

La difesa d’ufficio è già partita: ha senso cacciarlo alla prima partita toppata? Risposta: sì e per più di un motivo. Innanzitutto non è la prima volta che Tedino raccoglie critiche come more in un bosco trentino. Le due vittorie consecutive avevano attenuato le critiche, ma di fatto solo una volta il Palermo ha convinto, tre giorni fa contro il Perugia. Poi se permane la convinzione che si rischia di ripetere la storia della scorso anno, meglio fare adesso il passo decisivo e consentire al subentrante di impostare un lavoro sul tempo. E infine, siamo alla vigilia della sosta, il Palermo avrà diversi giorni di sosta agonistica prima della partita contro il Crotone, peraltro una diretta concorrente per la promozione. Quale migliore occasione per presentarsi con un abito nuovo? Lo Zamparini di qualche anno fa non ci avrebbe pensato due volte, come fece ad esempio con Zenga oppure con Delio Rossi e persino con Guidolin. Senza parlare dell’anno in cui – da Ballardini a Bortoluzzi – il Palermo per poco non collezionò più cambi di allenatori che vittorie in campionato. Non rimpiangiamo quei colpi di testa e si conoscono le difficoltà finanziarie. Ma la questione tecnica è fondamentale per affrontare con logica il futuro. E insistere con Tedino non sembra rientrare nella categoria per la logica. Non lo dice la sconfitta di Brescia, almeno non solo questa. Ma una gestione tecnica che da più di un anno non ha saputo garantire al Palermo identità e personalità.

Giuliana Puma, premiata a Palazzo Mazzarino

“Il cavaliere e la morte” vince il concorso 100 libri per una scuola, premiata Giuliana Puma del liceo Garibaldi di Palermo

"100 libri per una scuola" è il concorso riservato agli studenti medi superiori delle città di "Panorama d’Italia", il tour organizzato dal settimanale Panorama di Mondadori sulle realtà imprenditoriali vincenti del territorio, per incontrare le persone e dialogare con loro ...
Leggi Tutto
A tinte forti, Parco delle Madonie

“Quattro donne”. A Villa Sgadari, Petralia Soprana, presentazione del libro di Carla Garofalo

Petralia Soprana - Nella favolosa settecentesca Villa Sgadari, sabato 20 ottobre 2018, alle 17.30, si presenterà il libro "Quattro donne” di Carla Garofalo, Qanat Edizioni ed arti visive. Converseranno con l'autrice, la giornalista Maria Giambruno e la scrittrice Mari Albanese ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto