Palermo, riaccesi 350 punti d’illuminazione pubblica nella zona Oreto spenti da giugno, e altri 330

Sostituiti gli apparati illuminanti, spenti da giugno per un incendio in centrale, con sistemi a basso consumo. Importante modifica agli impianti, passati dalla tipologia “in serie” a quella “in derivazione”. Adesso, in caso di guasti, sarà possibile intervenire solo sulla parte interessata senza dover disattivare l’intero sistema

Riaccesi i 350 punti luce dell’illuminazione pubblica nella zona Stazione-Oreto-Perez, che erano spenti dal mese di giugno a seguito di un incendio alla cabina Enel “Assunta” che aveva del tutto compromesso gli impianti e la relativa sicurezza.

Insieme a questi punti luce, ne saranno accesi altri 330 circa che andranno ad interessare una vasta area che arriva anche a Villa Giulia e al Mercato Ittico, sostituendo il vecchio impianto realizzato negli anni ’60 del secolo scorso.
I lavori, eseguiti con fondi FAS per un importo complessivo di circa 1,5 milioni di euro, hanno anche permesso di sostituire gli apparati illuminanti con sistemi a basso consumo e di apportare una importante modifica al sistema, passato da quello “in serie” a quello “in derivazione”. Adesso, in caso di guasti, sarà possibile intervenire solo sulla parte interessata senza dover disattivare l’intero sistema.

Emilio Arcuri
Emilio Arcuri

Da parte del Sindaco Leoluca Orlando e dell’Assessore Emilio Arcuri è è stato espresso “un caloroso ringraziamento agli Uffici comunali e all’AMG. Si è intervenuto con la massima celerità consentita dalla legge e senza un aggravio di costi rispetto alla programmazione comunale degli interventi sulla rete pubblica, che continua con i lavori già avviati lungo la costa nord della città a Mondello, Partanna, Addaura, Vergine Maria, Arenella e Acquasanta.”
Un breve video dell’incendio di giugno alla Cabina Assunta è disponibile qui: guarda.


(foto: Traffic © ilGazzettinodiSicilia (Dario Fidora)