Beni culturali, la Regione Sicilia istituisce il Parco Archeologico di Pantelleria

Anticamente chiamata Cossyra, nota fin dal V millennio a. C. per l’esportazione dell’ossidiana, detta l’oro nero del neolitico, l’isola di Pantelleria ha ora il riconoscimento del suo parco archeologico, che comprende vari siti di notevole interesse.

Soddisfazione per avere aggiunto Pantelleria al sistema dei parchi archeologici siciliani da parte del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che nel commentare la firma del decreto di istituzione ha affermato: ”Due Parchi archeologici in un mese. La valorizzazione dei beni culturali siciliani è tra le priorità del mio governo e stiamo procedendo a tappe forzate, così come ci eravamo prefissati: dopo Segesta, oggi arriva Pantelleria”.

A sottoscrivere l’atto, nella suggestiva cornice del Castello Barbacane nell’isola trapanese, l’assessore dei Beni culturali e dell’identità siciliana Sebastiano Tusa.
Dopo quello di Segesta, istituito il 5 agosto, il Parco di Pantelleria entra a far parte del sistema autonomo dei parchi che prevede piena autonomia gestionale, scientifica e finanziaria. Il Parco comprenderà tutte le zone archeologiche già presenti sull’Isola e non verranno posti vincoli aggiuntivi, ma verrà messo a sistema l’esistente. Tra le zone incluse, l’Acropoli di Santa Teresa, il sito preistorico di Mursia e quello dei Sesi, il villaggio di Scauri scalo e il tempio di Venere nei pressi del lago.

Lago Specchio di Venere, Pantelleria
Lago Specchio di Venere, Pantelleria

“Firmare il decreto di istituzione del Parco proprio sull’isola e alla presenza di tanti cittadini panteschi – dichiara Tusa – è per me una doppia soddisfazione: da un lato mantenere una promessa, dando la concreta possibilità di sviluppo e di tutela del territorio, dall’altro il segno della vicinanza del governo Musumeci alle popolazioni delle isole minori, troppo spesso in passato abbandonate ai numerosi problemi con cui debbono confrontarsi giornalmente”.
Il Parco archeologico di Pantelleria, già in passato strutturato nell’organigramma dell’assessorato dei Beni culturali, era stato fin da subito considerato, con una visione miope e poco cosciente della sua importanza, una realtà minore e per questo privata dei mezzi necessari al suo sviluppo. Oggi, con l’inserimento nel sistema regionale dei parchi, rinasce con una nuova spinta, con nuovi strumenti per diventare motore trainante dello sviluppo dell’isola, utilizzando e mettendo a sistema anche le risorse già presenti sul territorio.
“Anche in piena estate – conclude l’assessore – lavoriamo affinché in breve tempo il sistema dei Parchi sia completato. Dalla loro istituzione passa la concreta possibilità di sviluppo del territorio, della ricerca scientifica, della tutela e della valorizzazione dei beni culturali siciliani, straordinaria occasione per una terra che della cultura può e deve fare elemento trainante di progresso”.

Alla cerimonia erano presenti anche l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, il dirigente generale del dipartimento regionale dei Beni culturali Sergio Alessandro, il sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo e l’assessore comunale alla Cultura Claudia Della Gatta.
Dall’approvazione della legge regionale 20 del 2000, che ha previsto i Parchi archeologici, nell’Isola ne sono stati istituiti solo cinque: Agrigento, Naxos-Taormina, Selinunte-Cave di Cusa, Segesta e oggi Pantelleria.
“La piena attuazione della norma – conclude il presidente Musumeci – consentirà di rimetterci al passo con le più moderne forme di valorizzazione e gestione dei beni culturali. L’esperienza positiva di Agrigento, con un incremento di circa il 30 per cento di visitatori ogni anno, ci dice che questo è il modello da seguire. Un nuovo modello che può consentire la crescita sia in termini di qualità dei servizi che di richiamo turistico per quelle aree archeologiche che per natura, estensione e interesse, necessitano di un’amministrazione autonoma sotto il profilo della tutela, anche dal punto di vista paesaggistico. In questo modo, il Parco potrà utilizzare in proprio le cospicue entrate che derivano dalla vendita dei biglietti di ingresso e che si traduce in azioni immediate di valorizzazione, manutenzione del territorio, attività di promozione, scavi archeologici, attività scientifiche: un percorso integrato di tutela e di forte connotazione dell’identità siciliana”.

PARCHI ISTITUITI IN SICILIA

1. Parco archeologico della Valle dei Templi
2. Parco archeologico di Naxos e Taormina
3. Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa
4. Parco archeologico di Segesta
5. Parco archeologico di Pantelleria

PARCHI IN VIA DI ISTITUZIONE

1. Parco archeologico di Gela
2. Parco archeologico greco romano di Catania
3. Parco archeologico e paesaggistico della Valle dell’Aci
4. Parco archeologico di Morgantina
5. Parco archeologico della Villa romana del Casale
6. Parco archeologico delle Isole Eolie
7. Parco archeologico di Tindari
8. Parco archeologico di Himera
9. Parco archeologico di Monte Iato
10. Parco archeologico di Solunto
11. Parco archeologico di Kamarina
12. Parco archeologico di Cava D’Ispica
13. Parco archeologico di Lentini
14. Parco archeologico di Eloro e Villa del Tellaro
15. Parco archeologico di Siracusa
16. Parco archeologico di Lilibeo

A tinte forti, Parco delle Madonie

“Quattro donne”. A Villa Sgadari, Petralia Soprana, presentazione del libro di Carla Garofalo

Petralia Soprana - Nella favolosa settecentesca Villa Sgadari, sabato 20 ottobre 2018, alle 17.30, si presenterà il libro "Quattro donne” di Carla Garofalo, Qanat Edizioni ed arti visive. Converseranno con l'autrice, la giornalista Maria Giambruno e la scrittrice Mari Albanese ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto