Il triste Ferragosto dell’Italia che crolla

Pioggia come lacrime, triste Ferragosto 2018. Surreale, spaventoso, misero. L’Italia crolla, e quel ponte di Genova ne è simbolo concreto, tragico, sconvolgente.

Simbolo di un’Italia che crolla anche fisicamente, oltre che moralmente. Quando ancora si cerca di trovare e salvare i feriti, quando i morti non sono stati ancora trovati e pianti uno ad uno, lo spettacolo dei nostri governanti non è meno mostruoso di quel crollo.
In un Paese civile e non retrogrado si partirebbe dal dramma e dal dolore per ricostruire. Ci sarebbe un moto unitario, al di là degli steccati politici, per ripartire. Per far sì che quelle vittime non siano vane: ricostruire un’Italia che crolla.
Invece no. Come nel medioevo, l’Italia retrograda che guarda invariabilmente al passato, cerca “il colpevole”. Governanti, capi politici, ministri, attizzano l’odio. Parlano di punizioni esemplari prima ancora di capire dove si è sbagliato, dimenticando che tutti noi italiani siamo colpevoli del disastro di Genova.
È crollato un ponte che era ormai un antiquariato del XX secolo a fronte dello sviluppo dei trasporti da XXI secolo. Era un ponte tra la riviera di Levante e quella di Ponente. Era un ponte celebrato quale avveniristico quando fu realizzato. Fatti salvi gli eventuali, e a tutt’oggi non provati, problemi di costruzione e manutenzione, era un ponte diventato strategicamente obsoleto per un evidente salto tecnologico ed economico realizzato in Italia e nel mondo negli ultimi 50 anni: traffico molto più intenso, veicoli molto più pesanti, urbanizzazione molto più densa. Nel bel mezzo di un’Italia che dice no al progresso, che vuole tornare ai dazi e alle autarchie autoritarie del passato. [ Link ]

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto