Senato, emendamento blocca 12 progetti di riqualificazione per 550 milioni in Sicilia

Allarme riqualificazione: l’emendamento 13.2 del decreto Milleproroghe blocca 120 progetti sulle periferie e i centri urbani in Italia. La Sicilia perde 550 milioni. A settembre il provvedimento al vaglio della Camera.

«La decisione del Senato assomiglia a un passo del gambero. Più che favorire gli investimenti nelle aree degradate del Paese, si va indietro congelando anche quelli già finanziati. Un non senso». È il commento di Nello Musumeci all’approvazione a Palazzo Madama dell’emendamento che rinvia al 2020 la copertura finanziaria per la riqualificazione di 120 periferie in Italia.

Con la legge sulla riqualificazione delle periferie e dei centri urbani si sono finanziati due bandi, nel 2016 e nel 2017, durante il governo Renzi poi con quello Gentiloni, per un valore totale di tre miliardi e 600 milioni.

«Una decisione – continua il governatore – che in Sicilia blocca dodici progetti (nove nei Comuni capoluogo e tre nelle Città metropolitane) per un investimento di circa 550 milioni di euro. In questo modo, si penalizzano ancora di più le aree già marginali e svantaggiate e a subirne gli effetti non possono che essere i più deboli. Auspico che nel passaggio Camera, questa scelta possa essere rivista, soprattutto nell’interesse degli ‘ultimi’».

Dario Fidora

Direttore editoriale