Il senso della morte in via Ruggero Settimo

L’avete presente quel minuto prima, quell’istante che certo sarà raccontato ma da altri, quello che separa la monotonia di un automatico presente – la passeggiata verso il bar per il primo caffè della giornata, l’acquisto programmato del giornale o la pipì del cane alla villetta – da un futuro che non ci riguarderà più? L’avete presente, certo che l’avete presente. È il momento in cui santiare contro il destino in ogni lingua, lui reo di avere agevolato sciagura e disastro e di essersi accanito nella più beffarda delle maniere.

Oggi quel momento l’ho solo sfiorato, il signor destino ha scelto di accompagnarmi dall’altro lato del marciapiedi in via Ruggero Settimo un attimo prima che venisse giù un cornicione di un palazzo antico, roba che se ti colpisce t’ammazza sul colpo. La grandinata di balatoni è durata pochi secondi, proprio il tempo di passare da un lato all’altro e scegliere il lato ombroso della strada. E nei secondi successivi pensi alle porte girevoli, al perché quella mattina a quell’ora eri lì ed avresti benissimo potuto non esserci, chè non cascava il mondo se non andavi in banca.

Pensi all’ultima telefonata ad un amico e ad una ordinaria conversazione di lavoro, sarebbero state quelle le ultime parole della tua esistenza, un banale e insulso testamento. Pensi come Marshall Eriksen (How I meet your mother, cit.) il cui rammarico è che l’ultimo messaggio del padre (“devi vedere Mr.Crocodile Dundee 3”) non sia stato altro che un insignificante consiglio su un film. E pensi allo splendore della vita, non perché l’hai fatta franca, almeno non solo per quello. C’è un misto di felicità e compiacimento per il fatto che nessuno racconterà alla tua donna che sei morto schiacciato da un pietrone nel centro di Palermo.

E poi una valanga di pizzini appuntati nel tuo cervello che provo a leggere in ordine di apparizione: 1) la morte di per sé è sempre stupida, anche quelle eroiche possiedono una spruzzatina di non sense; 2) nell’alto dei cieli chi muore sarà sempre incazzato perché non potrà mai raccontare il seguito del proprio sceneggiato a puntate; 3) che coglione a fare la ramanzina ai figli sui pericoli della notte quando una pietra in testa ti può cadere anche alle 9 del mattino; 4) in ogni cosa che si fa mettere sempre un pezzetto di se stesso, così per essere sempre riconosciuti; 5) meno male che sono vivo, ho ancora un sacco di cose da fare. Rileggo: la fiera dell’ovvio. Mi dispiace Marshall Eriksen, ma forse la conclusione è proprio questa: il sapore del fine corsa non è roba da gourmet.

Crolla un cornicione in via Ruggero Settimo

Crolla un cornicione in via Ruggero Settimo

Pubblicato da Il Gazzettino di Sicilia – Streaming su Venerdì 10 agosto 2018

lettera a babbo natale

Poste Italiani ai bambini, ancora due giorni per scrivere a Babbo Natale e ricevere una sorpresa

Tutti i bambini che scriveranno la loro letterina riceveranno una sorpresa e l’invito a scaricare un app per giocare con disegni e lettere animate  Anche quest’anno torna la “Posta di Babbo Natale” la tradizionale iniziativa di Poste Italiane dedicata ai ...
Leggi Tutto
Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto