Il senso della morte in via Ruggero Settimo

L’avete presente quel minuto prima, quell’istante che certo sarà raccontato ma da altri, quello che separa la monotonia di un automatico presente – la passeggiata verso il bar per il primo caffè della giornata, l’acquisto programmato del giornale o la pipì del cane alla villetta – da un futuro che non ci riguarderà più? L’avete presente, certo che l’avete presente. È il momento in cui santiare contro il destino in ogni lingua, lui reo di avere agevolato sciagura e disastro e di essersi accanito nella più beffarda delle maniere.

Oggi quel momento l’ho solo sfiorato, il signor destino ha scelto di accompagnarmi dall’altro lato del marciapiedi in via Ruggero Settimo un attimo prima che venisse giù un cornicione di un palazzo antico, roba che se ti colpisce t’ammazza sul colpo. La grandinata di balatoni è durata pochi secondi, proprio il tempo di passare da un lato all’altro e scegliere il lato ombroso della strada. E nei secondi successivi pensi alle porte girevoli, al perché quella mattina a quell’ora eri lì ed avresti benissimo potuto non esserci, chè non cascava il mondo se non andavi in banca.

Pensi all’ultima telefonata ad un amico e ad una ordinaria conversazione di lavoro, sarebbero state quelle le ultime parole della tua esistenza, un banale e insulso testamento. Pensi come Marshall Eriksen (How I meet your mother, cit.) il cui rammarico è che l’ultimo messaggio del padre (“devi vedere Mr.Crocodile Dundee 3”) non sia stato altro che un insignificante consiglio su un film. E pensi allo splendore della vita, non perché l’hai fatta franca, almeno non solo per quello. C’è un misto di felicità e compiacimento per il fatto che nessuno racconterà alla tua donna che sei morto schiacciato da un pietrone nel centro di Palermo.

E poi una valanga di pizzini appuntati nel tuo cervello che provo a leggere in ordine di apparizione: 1) la morte di per sé è sempre stupida, anche quelle eroiche possiedono una spruzzatina di non sense; 2) nell’alto dei cieli chi muore sarà sempre incazzato perché non potrà mai raccontare il seguito del proprio sceneggiato a puntate; 3) che coglione a fare la ramanzina ai figli sui pericoli della notte quando una pietra in testa ti può cadere anche alle 9 del mattino; 4) in ogni cosa che si fa mettere sempre un pezzetto di se stesso, così per essere sempre riconosciuti; 5) meno male che sono vivo, ho ancora un sacco di cose da fare. Rileggo: la fiera dell’ovvio. Mi dispiace Marshall Eriksen, ma forse la conclusione è proprio questa: il sapore del fine corsa non è roba da gourmet.

Crolla un cornicione in via Ruggero Settimo

Crolla un cornicione in via Ruggero Settimo

Pubblicato da Il Gazzettino di Sicilia – Streaming su Venerdì 10 agosto 2018

Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto
Carmelo Ferlito

Carmelo Ferlito, tre premi speciali al “Var Talent 18”

Il cantante catanese si è classificato al 4° posto al “VarTalent 18" Festival Canoro d'Italia (6 ottobre - Trento) ma si aggiudica ben tre premi speciali: migliore base, migliore interpretazione e migliore look Carmelo Ferlito, cantante e interprete originario di ...
Leggi Tutto