Edilizia scolastica, pronte le graduatorie degli inteventi finanziabili. Disponibili 272 milioni

Trasmesse al Miur le graduatorie del Piano per l’edilizia scolastica siciliana per i prossimi tre anni. Nell’immediato verranno impegnati 272 milioni di euro, per opere che potranno essere avviate già a partire da quest’anno

Pronte e trasmesse al Miur le graduatorie del Piano per l’edilizia scolastica siciliana per i prossimi tre anni, in seguito al bando prubblicato ad aprile scorso dal governo regionale: sono stati inclusi oltre 400 interventi finanziabili, in particolare le richieste presentate dai Comuni sono state 356 e quelle delle ex Province 91.

Grazie al rispetto del termine di presentazione delle istanze, nell’immediato verranno impegnati 272 milioni di euro per opere che potranno essere avviate già a partire da quest’anno, secondo una graduatoria definitiva degli interventi elaborata dal Miur e che sarà pubblicata a ottobre. La somma stanziata al momento non permette di soddisfare il fabbisogno di tutte le domande, per questo le risorse saranno progressivamente aumentate.

Le opere previste saranno utilizzate per effettuare ristrutturazione, adeguamento antisismico e antincendio, ampliamenti o realizzazioni di nuove costruzioni, palestre, mense, aree ricreative e rimozione di barriere architettoniche. Centosessantuno progetti, seppur ammessi al finanziamento, rimangono al momento in attesa delle verifiche preventive di vulnerabilità sismica degli edifici, verifiche necessarie per le successive opere di adeguamento che potranno essere finanziate nel corso del 2019. Presentato al Ministero per l’Istruzione anche l’elenco delle 142 istanze riguardanti il Piano straordinario di interventi per l’adeguamento antincendio.

“È stato – afferma il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – un lavoro straordinario condotto in tempi rapidissimi, con un’ampia partecipazione da parte degli enti locali. Questo grazie anche al supporto fornito dall’Associazione dei Comuni, dall’Agenzia nazionale della coesione territoriale e dall’Associazione dei costruttori edili”. Secondo i recentissimi dati dell’Anagrafe regionale, circa il 60 per cento delle strutture scolastiche non è in regola con le certificazioni antisismiche e il 70 per cento è senza l’agibilità. “Con questo intervento finanziario – conclude il governatore – contiamo di ridurre notevolmente tale percentuale”.

“È un passo decisivo – aggiunge l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla – verso una riqualificazione generale del sistema dell’istruzione siciliana, che passa necessariamente attraverso la messa in sicurezza e il rinnovo strutturale delle aule nelle quali trascorrono le giornate i nostri studenti. Abbiamo ritenuto una priorità poter consentire loro di vivere ore di attività didattica in un ambiente sicuro ed efficiente. Per questo si è deciso di attribuire un punteggio maggiore agli interventi riguardanti anche l’ampliamento degli edifici scolastici, attraverso mense, spazi ricreativi e palestre”.